Diritto internazionale

  • A.A. 2018/2019
  • CFU 8
  • Ore 40
  • Classe di laurea LM-63
Andrea Caligiuri / Professore di ruolo - II fascia / Diritto internazionale (IUS/13)
Dipartimento di Giurisprudenza
Prerequisiti

Conoscenza della lingua inglese

Obiettivi del corso

Il corso si compone di una parte generale che intende offrire allo studente la conoscenza dei contenuti essenziali della disciplina, l'acquisizione di un adeguato linguaggio giuridico, e una competenza metodologica che gli permetta di poter approfondire in autonomia aspetti particolari della disciplina. La parte speciale sarà dedicata invece all'esame dei sistemi di tutela dei diritti umani in Europa.
La frequenza del corso e il superamento dell'esame permetteranno allo studente di ottenere una conoscenza adeguata del Diritto internazionale.

Programma del corso

Parte generale

I. Natura e sviluppo dell'ordinamento internazionale. - La nozione di ordinamento internazionale. - L'evoluzione storica della comunità internazionale. - La trasformazione del concetto di sovranità e il cambiamento della struttura della comunità internazionale.

II. Le fonti dell'ordinamento internazionale. - Diritto internazionale generale: consuetudini e principi generali di diritto. - Diritto dei trattati. - Fonti derivanti da trattati. - Atti unilaterali. - Soft law. - Il ruolo delle Organizzazioni internazionali nella formazione del diritto internazionale. - Il potere normativo del Consiglio di Sicurezza. - I rapporti tra le fonti e l'unitarietà dell'ordinamento internazionale.

II. Lo Stato. - I requisiti della personalità giuridica internazionale. - I corollari della sovranità. - I limiti di esercizio della sovranità. - I mutamenti di sovranità. - Le forme di sovranità "limitata". - Gli Stati "sui generis". - Stati "che affondano" ovvero la deterritorializzazione della sovranità. - La secessione. - L'ambito spaziale di esercizio della sovranità statale.

IV. I soggetti non statali dell'ordinamento internazionale. - Le Organizzazioni internazionali. - I gruppi insurrezionali. - I Popoli. - Gli enti "sui generis". - Gli individui.

V. La soluzione pacifica delle controversie. - La nozione di controversia internazionale. - I mezzi diplomatici di soluzione delle controversie. - La funzione giudiziaria internazionale. - La frammentazione della funzione giudiziaria e l'unitarietà dell'ordinamento internazionale.

VI. I regimi giuridici della responsabilità internazionale. - La responsabilità internazionale degli Stati. - La responsabilità internazionale delle Organizzazioni internazionali.

VII. L'uso della forza nelle relazioni internazionali. - Il divieto dell'uso della forza. - Il sistema di sicurezza collettivo delle Nazioni Unite. - Il ruolo delle Organizzazioni regionali nel mantenimento della pace e della sicurezza internazionale. - L'uso della forza nello scenario geopolitico contemporaneo.

VIII. La partecipazione dell'Italia alla vita di relazione internazionale. - La definizione della politica estera e dei rapporti internazionali dello Stato. - Le relazioni internazionali delle Regioni e delle Province autonome. - L'apertura dell'ordinamento italiano all'ordinamento internazionale e i meccanismi di adattamento al diritto internazionale. - Il ruolo del giudice interno e le relazioni internazionali dello Stato. - L'art. 11 Costituzione: il ripudio della guerra e le limitazioni di sovranità.


Parte speciale

IX. Il diritto internazionale del mare. - Cenni storici della sua formazione e codificazione. - Il mare territoriale. - Gli stretti internazionali. - La zona contigua e la zona archeologica. - La piattaforma continentale. - La zona economica esclusiva e le zone sui generis. - Gli Stati arcipelago. - I problemi connessi alla land reclamation. - I regimi giuridici negli spazi marittimi al di là della giurisdizione nazionale. - La soluzione delle controversie nel diritto internazionale del mare.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) N. Ronzitti Introduzione al Diritto internazionale (V ed.) Giappichelli, Torino, 2016
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Gli studenti frequentanti possono preparare l'esame sugli appunti delle lezioni e il materiale didattico messo a disposizione del docente.

Libro di testo per sostenere l'esame in inglese:
- Jan Klabbers, International Law, II Ed, Cambridge University Press: Cambridge, 2017 (Part I: pp. 3-200; Part II: pp. 203-277; Part III: pp. 319- 336)

Metodi didattici
  • 1. Taglio didattico:
    - teorico
    - basato su studio di casi.

    2. Tipologie di lezione:
    - Lezioni frontali
    - Attività seminariali.
    - Interventi di esperti.

    3. Strumentazione adottata:
    - Uso di supporti multimediali in aula [pc e proiettore]
    - Visione di materiali audio-video
    - Supporto di materiale on line.
Modalità di valutazione
  • La prova di valutazione è scritta. In sede di esame allo studente è richiesto di
    mostrare la sua conoscenza degli argomenti oggetto del programma attraverso la redazione di un elaborato (tre domande aperte). Lo studente non può consultare testi durante la prova d'esame. Per la prova d'esame, lo studente ha a disposizione due ore.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

Inglese

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

Inglese

  Torna alla scheda
Calendario
 Notizie
  Materiali didattici