Diritto del mercato finanziario

  • A.A. 2015/2016
  • CFU 6
  • Ore 40
  • Classe di laurea LM-77
Andrea Luigi Niutta / Professore di ruolo - I fascia / Diritto dell'economia (IUS/05)
Dipartimento di Economia e Diritto
Prerequisiti

Conoscenza del sistema delle fonti del diritto. Conoscenza degl'istituti e delle categorie fondamentali del diritto privato. Conoscenza degl'istituti e delle categorie fondamentali del diritto pubblico.

Obiettivi del corso


Il corso mira ad analizzare la più recente disciplina dei mercati finanziari, partendo dal Testo Unico della finanza. Vengono approfonditi i concetti di strumento finanziario, valore mobiliare e prodotto finanziario, analizzando in particolare i mercati dei prodotti finanziari derivati, cui corrispondono alcuni peculiari tipi negoziali, come futures, swaps e options, nonché prodotti finanziari come le Asset Backed Securities, hedge funds, ETF, fondi immobiliari e fondi mobiliari chiusi.
Il corso intende, inoltre, esaminare la disciplina dei mercati regolamentati e dei mercati non regolamentati (sistemi di negoziazione multilaterale, internalizzatori sistematici e market makers), nella prospettiva della vigilanza dei mercati e della regolazione delle crisi.
Infine, si analizzerà la disciplina dell'appello al risparmio diffuso e, in particolare, l'iter per il lancio di un'OPA.

Programma del corso

Per i FREQUENTANTI è necessaria esclusivamente la preparazione sulla base delle dispense delle lezioni: nn . 1-18.

Per i NON FREQUENTANTI oltre alle dispense è da aggiungersi il testo:
R. COSTI, Il mercato mobiliare, Giappichelli, Torino, 2014 - nona ed. - (capp. I e III, capp. VI e VIII)

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) R. COSTI Il mercato mobiliare Giappichelli, Torino, 2014 » Pagine/Capitoli: capp. I e III, capp. VI e VIII
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Durante il corso delle lezioni il Prof. metterà a disposizione le sue dispense nn. 1-18.

Metodi didattici
  • La didattica è basata sulle lezioni frontali che, oltre ad esaminare gli argomenti sviluppati e supportati dal testo di riferimento, permette allo studente di approcciare la normativa secondaria che applica il tuf, mettendola in relazione con la realtà degli intermediari finanziari nel loro rapporto con la clientela professionale e quella al dettaglio.
    inoltre, le lezioni frontali permettono allo studente di confrontarsi direttamente con il docente per chiarimenti e indicazioni specifiche relative agli aspetti che paiono più problematici nella lettura del testo di riferimento.
Modalità di valutazione
  • In sede di esame il docente proporrà una serie di domande basate sul testo di riferimento.