Informazioni
» Vai all'elenco delle AULE TEAMS dei docenti

Percorsi storici nel pensiero greco

  • A.A. 2018/2019
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-78
Arianna Fermani / Professoressa di ruolo - II fascia / Storia della filosofia antica (M-FIL/07)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Avere una buona conoscenza del pensiero antico

Obiettivi del corso

Il corso, dal titolo "La filosofia vista con altri occhi: Donne Filosofe nel mondo antico", mira a far acquisire agli studenti una conoscenza approfondita sia dei testi e sulle testimonianze delle filosofe dell'antichità. Il corso è volto anche ad approfondire, anche in modo critico, alcune testimonianze di filosofi antichi sulle donne
Gli studenti, inoltre, dovrebbero essere in grado di comprendere e commentare i testi proposti a lezione, anche sulla scorta dei relativi commentari e della letteratura critica sull'argomento.

Programma del corso

S. Campese, La cittadina impossibile, La donna nell'Atene dei filosofi Sellerio editore Palermo, 1997 (parti scelte);
Bultrighini U., Dimauro E., Donne che contano nella storia Greca, Collana: Koinos Logos, Collana di studi di Filologia, Archeologia, Storia, Scienza e Società del mondo Antico, Università degli Studi "G. d'Annunzio" di Chieti Pescara, Casa Editrice Rocco Carabba srl, 2014 Lanciano (parti scelte);
A. Fermani, Ruoli e funzioni della donna nelle Leggi di Platone, in Ripensare ad Atene: in ricordo di G. Reale, Vita e Pensiero "Temi metafisici e problemi del pensiero antico", Milano 2015, pp. 201-217;
A. Fermani, Di maschi menomati, deviazioni naturali e altre storie. Aristotele e la questione femminile (in corso di pubblicazione);
P. Caporossi, L'invidia di Aristotele. Ovvero della vir-tù femminile, Affinità elettive, Ancona 2016

Ulteriori indicazioni bibliografiche saranno fornite durante il corso

***
ll corso partecipa, in collaborazione con gli insegnamenti "Psicologia dei processi cognitivi" (Prof.ssa Ivana Bianchi) e "Teorie della Giustizia" (Prof.ssa Carla Danani) allo sviluppo di un modulo interdisciplinare intitolato: "Uguale e differente: un approccio multidisciplinare a due categorie fondamentali della percezione e del pensiero".

Il modulo intende sviluppare la capacità di considerare un tema da prospettive disciplinari differenti, applicando ad esso categorie di analisi provenienti da ambiti del sapere apparentemente molto lontani, sia nei contenuti che nei metodi di indagine e quindi nei paradigmi di analisi, connettendo e integrando questi sguardi molteplici (NON si richiede che l* student* frequenti obbligatoriamente anche gli altri corsi).

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) S. Campese La cittadina impossibile, La donna nell'Atene dei filosofi Sellerio, Palermo, 1997 » Pagine/Capitoli: parti
  • 2.  (A) Bultrighini U., Dimauro E., Donne che contano nella storia Greca Rocco Carabba, Lanciano, 2014 » Pagine/Capitoli: parti scelte
  • 3.  (A) A. Fermani Ruoli e funzioni della donna nelle Leggi di Platone, in Ripensare ad Atene: in ricordo di G. Reale, Vita e Pensiero, Milano, 2015 » Pagine/Capitoli: pp. 201-2017
  • 4.  (A) A. Fermani Di maschi menomati, deviazioni naturali e altre storie. Aristotele e la questione femminile pro manusacripto (in corso di pubblicazione), pro manusacripto (in corso di pubblicazione), 2018
  • 5.  (A) P. Caporossi L'invidia di Aristotele. Ovvero della vir-tù femminile affinità elettive, Ancona, 2016
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Ulteriori indicazioni bibliografiche saranno fornite durante il corso

Gli studenti non frequentanti dovranno portare all'esame, oltre ai testi indicati, anche P. Caporossi, Il corpo di Diotima. La passione filosofica e la libertà femminile, Quodlibet 2009 (parti scelte)

Metodi didattici
  • Lezioni frontali
    Interventi programmata degli studenti sotto la supervisione della docente
    Invito di esperti esterni
Modalità di valutazione
  • Esame finale orale
    Attività seminariali
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

Non si esclude qualche necessario riferimento al testo greco