Informazioni
» Vai all'elenco delle AULE TEAMS dei docenti

Storia della filosofia greca e romana

  • Storia della filosofia antica Classe: L-10, LM-84
  • A.A. 2019/2020
  • CFU 6, 9(m), 6, 9(m)
  • Ore 30, 45(m), 30, 45(m)
  • Classe di laurea L-5, L-10(m), LM-84(m)
Arianna Fermani / Professoressa di ruolo - II fascia / Storia della filosofia antica (M-FIL/07)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Avere una buona conoscenza del pensiero di Aristotele.

Obiettivi del corso

Il corso, riflettendo sul tema del male morale in Aristotele, intende favorire l'acquisizione e il consolidamento, da parte degli studenti, di capacità di collegamento (tra il tema oggetto del corso, il pensiero generale dell'autore e i fondamentali nodi storico-concettuali del pensiero filosofico antico chiamati in causa all'interno del corso), di argomentazione e di analisi.

Programma del corso

Aristotele e l'infinità del male.
Il corso intende attraversale il male morale in Aristotele in tutte le sue articolazioni (male patito e male compiuto, vizi, debolezze, dolori ecc), incentrandosi particolarmente sulla riflessione etica aristotelica, ma soffermandposi anche su alcuni passi della Metafisica e della Retorica.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Arianna Fermani Aristotele e l'infinità del male. Patimenti, vizi e debolezze degli esseri umani Morcelliana, Brescia, 2019 » Pagine/Capitoli: integralmente
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Gli studenti NON frequentanti, oltre al volume sopra indicato, devono portare all'esame anche M. Vegetti, L'etica degli antichi, Laterza, Roma-Bari 1996 (parti scelte)

Ulteriori indicazioni bibliografiche saranno fornite durante il corso

Metodi didattici
  • Lezioni frontali
Modalità di valutazione
  • La prova di accertamento è orale.
    Il voto sarà assegnato sulla base dei seguenti criteri: 1) conoscenza della tematica monografica proposta; 2) capacità di inquadramento della tematica proposta all'interno del pensiero dell'autore; 3) proprietà di linguaggio.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

Non si esclude qualche necessario riferimento al testo greco