Sociologia della letteratura italiana contemporanea

  • A.A. 2014/2015
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-14,15
Costanza Geddes Da Filicaia / Professoressa di ruolo - II fascia / Letteratura italiana contemporanea (L-FIL-LET/11)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Buona conoscenza del profilo generale della storia letteratura italiana; conoscenza
molto buona del profilo della storia della letteratura italiana del secondo dopoguerra

Obiettivi del corso

I risultati di apprendimento attesi consistono innanzitutto nell'acquisizione, da parte dello studente, di un'ottima conoscenza, sia sul piano storico-letterario che su quello della poetica, degli autori di opere legate al periodo delle persecuzioni razziali e della resistenza al nazi-fascismo (G. Bassani, I. Calvino, B. Fenoglio, N. Ginzburg, P. Levi, R. Loy, C. Pavese) e che costituiscono, nel loro complesso, uno spaccato della sociologia della letteratura italiana di quell'epoca. Gli obiettivi di apprendimento comprendono anche il fatto che si acquisisca una solida conoscenza delle linee teoriche fondamentali della sociologia della letteratura e si sia dunque in grado di applicare tali conoscenze metodologiche anche ad altri ambiti letterari. Un ulteriore obiettivo di apprendimento è la capacità di svolgere paragoni ragionati con la raffigurazione socio-letteraria del periodo legato alla seconda guerra mondiale forniti da autori stranieri, specie tedeschi.

Programma del corso

Nell'anno accademico che abbraccerà l'anniversario dei settanta anni dalla fine
della seconda guerra mondiale, il programma del presente insegnamento verterà
da un lato sulla letteratura resistenziale, con il precipuo obiettivo di cogliere come
la tragica esperienza della seconda guerra mondiale, delle leggi razziali e del
periodo dell'occupazione tedesca abbia influito sulla società italiana e sulla sua
rappresentazione in letteratura. Si intende altresì analizzare come sia stato
affrontato, nella letteratura italiana contemporanea, il tema del senso di colpa della
società italiana rispetto alla persecuzione antisemita. Gli autori che verranno
affrontati, suscettibili di integrazioni in itinere saranno:
Giorgio Bassani
Italo Calvino
Beppe Fenoglio
Natalia Ginzburg
Primo Levi
Rosetta Loy
Cesare Pavese

Si intende inoltre integrare il panorama letterario italiano con alcuni accenni a come
questi temi siano affrontati nella letteratura tedesca e si farà pertanto riferimento,
con testi in traduzione italiana, alle opere di Hans Fallada, "Ognuno muore solo" (la
rappresentazione della società tedesca sotto il nazismo e degli episodi di resistenza
al regime), Heinrich Boell, "Opinioni di un clown" (la questione del senso di colpa, e
del tentativo di negazione della colpa, nella società tedesca post-bellica), Fred
Uhlman, "L'amico ritrovato"

Si prevedono ampie letture antologiche delle opere degli autori affrontati nel corso.

Gli studenti non frequentanti dovranno leggere integralmente quattro libri a loro
scelta da un elenco che la docente pubblicherà sulla sua bacheca on line entro la
fine di settembre 2014 e studiare integralmente tutti volumi inclusi in questo
programma (sia quelli adottati che quelli consigliati)

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Graziella Pagliano Profilo di sociologia della letteratura Carocci, Roma, 2004 » Pagine/Capitoli: 175
  • 2.  (C) Mario Cimini Sociologia della letteratura La Scuola, Brescia, 2008
  • 3.  (A) Carlo De Matteis Dire l'indicibile. La memoria letteraria della Shoah Sellerio, Palermo, 2009 » Pagine/Capitoli: 196
Metodi didattici
  • Lezione frontale, discussioni seminariali con gruppi di studenti che potranno, nel corso dell'insegnamento, portare elementi di discussione, proiezione di slides illustrative
Modalità di valutazione
  • La valutazione avverrà tramite un colloquio orale della durata indicativa compresa tra i 20 e i 30 minuti e articolato in almeno tre domande che mireranno ad accertare, da parte del candidato, le seguenti competenze
    1. conoscenza delle informazioni e delle nozioni fornite nel corso;
    2. corretta comprensione di queste nozioni e capacità di articolarle e contestualizzarle;
    3. capacità, a partire da queste competenze, di formulare e articolare una propria motivata valutazione autonoma di quanto appreso ;
    4. correttezza, chiarezza ed incisività dell'esposizione;
    5. capacità di cogliere il focus delle domande e di rispondervi in maniera pertinente ed esaustiva.