Filosofia teoretica i - Lettorato 2 su classici

  • A.A. 2015/2016
  • CFU 3
  • Ore 21
  • Classe di laurea L-5
Carla Canullo / Professore di ruolo - II fascia / Filosofia teoretica (M-FIL/01)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Non sono richiesti prerequisiti.

Obiettivi del corso

Essendo il lettorato parte del corso istituzionale di Filosofia teoretica, per quanto
concerne gli obiettivi formativi si rinvia a quanto stabilito dal titolare del corso di
Filosofia teoretica istituzionale, prof. Roberto Mancini.
Nel contesto del corso, scopo del
lettorato è introdurre alla conoscenza e comprensione di un testo classico della
letteratura filosofica. Essendo un corso impartito il primo anno, le lezioni saranno
prevalentemente dedicate alla spiegazione dei contenuti base del testo scelto.

Programma del corso

Nel corso delle lezioni sarà proposta la lettura della "Critica della ragion pura" di I.
Kant.
Non vi sono distinzioni per fasce di CFU per non frequentanti.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) I. Kant Critica della ragion pura Adelphi, Milano, 1997 » Pagine/Capitoli: selezione di pagine
  • 2.  (C) R. Ludwig "Critica della ragion pura" di Immanuel Kant: guida e commento Garzanti, Milano, 1998 » Pagine/Capitoli: ===
  • 3.  (C) R. Ciafardone La "Critica della ragion pura" di Kant: introduzione alla lettura Carocci, Roma, 1998 » Pagine/Capitoli: ===
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Non vi sono distinzioni per fasce di CFU; frequentanti e non frequentanti sosterranno l'esame sul medesimo programma.

Metodi didattici
  • Le lezioni saranno tenute dal docente in modo frontale. Il materiale didattico sarà
    rappresentato da testi adottati e fotocopie fornite dal docente. Essendo un corso
    impartito il primo anno, le lezioni saranno prevalentemente dedicate alla spiegazione
    dei contenuti base del testo scelto.
    Scopo dell'attività didattica è:
    - favorire l'apprendimento dei contenuti del corso;
    - favorire l'acquisizione di una solida formazione di base;
    - favorire l'acquisizione di un linguaggio tecnico specialistico
Modalità di valutazione
  • L'esame è orale e il voto sarà assegnato tenendo conto della seguente griglia:
    sufficiente 18-22; discreto 23-26; buono 27-29; ottimo 30-30 e lode.
    Criteri:
    acquisizione della conoscenza di base degli argomenti per il superamento
    dell'esame (conoscenza di tutti i testi discussi a lezione e indicati nel programma
    dell'esame (voto: sufficiente); aver acquisito un'adeguata conoscenza degli
    argomenti del corso di base e monografico (voto: discreto); conoscere il linguaggio
    tecnico e specifico dell'autore (voto: discreto); mostrare alta padronanza dei
    contenuti suddetti e saper esporre con linguaggio tecnico e specifico i contenuti
    appresi nel corso delle lezioni e studiati per la preparazione dell'esame
    (voto: discreto/buono); saper rispondere a quesiti complessi mostrando di
    essere capaci di comprendere le implicazioni che i contenuti appresi hanno in
    relazione ad altri contenuti più complessi è la condizione per poter ottenere il voto
    ottimo.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

===

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

===

  Torna alla scheda
  Materiali didattici