Letteratura italiana contemporanea

  • A.A. 2016/2017
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-14,15
Carla Carotenuto / Professoressa di ruolo - II fascia / Letteratura italiana contemporanea (L-FIL-LET/11)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Buona conoscenza della letteratura italiana ed europea e dei relativi contesti storico-sociali di epoca moderna - contemporanea.
È opportuno aver superato l'esame di Letteratura italiana moderna e contemporanea (nel corso di laurea triennale).

Obiettivi del corso

Conoscere le problematiche connesse con la scrittura delle donne.
Conoscere i principali orientamenti teorici, psicoanalitici, critici sviluppatisi a partire dal Novecento sul materno e sulla relazione madre-figlia.
Comprendere i processi di analisi critica attuati durante il corso.
Sviluppare le competenze logico-interpretative e le competenze di analisi di testi letterari contemporanei.
Sviluppare la capacità critica e stimolare il confronto.

Programma del corso

RAPPRESENTAZIONI E FUNZIONI DEL MATERNO NELLA LETTERATURA ITALIANA CONTEMPORANEA. LA SCRITTURA AL FEMMINILE E LA RELAZIONE MADRE-FIGLIA

La prima parte del corso, di carattere teorico, è incentrata sulle problematiche connesse con la scrittura a firma femminile e sugli orientamenti teorico-critici sviluppatisi sul materno, in particolare sul legame madre-figlia.
La seconda parte, di tipo pratico-applicativo, prevede un percorso critico-testuale attraverso l'analisi di opere letterarie significative nel panorama italiano contemporaneo, con particolare riferimento alle scrittrici Francesca Duranti e Clara Sereni.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Chemotti Saveria L'inchiostro bianco. Madri e figlie nella narrativa italiana contemporanea Il poligrafo, Padova, 2009 » Pagine/Capitoli: parti selezionate
  • 2.  (A) Carotenuto Carla Identità e conflittualità nella relazione madre-figlia. Sondaggi nella letteratura italiana contemporanea: Duranti, Sanvitale, Sereni Metauro , Pesaro, 2012 » Pagine/Capitoli: tutto
  • 3.  (A) Duranti Francesca L'ultimo viaggio della Canaria Marsilio, Venezia, 2003 » Pagine/Capitoli: tutto
  • 4.  (A) Sereni Clara Il gioco dei regni BUR, Milano, 2008 » Pagine/Capitoli: tutto
  • 5.  (C) Rasy Elisabetta L'estranea Rizzoli, Milano, 2007 » Pagine/Capitoli: tutto
  • 6.  (A) Recalcati Massimo Le mani della madre. Desiderio, fantasmi ed eredità del materno Feltrinelli, Milano, 2015 » Pagine/Capitoli: tutto
  • 7.  (A) De Chiara Marina La traccia dell'altra. Scrittura, identità e miti del femminile Liguori, Napoli, 2001 » Pagine/Capitoli: pp. 9-78
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Durante il corso saranno forniti ulteriori riferimenti bibliografici ed eventuali materiali didattici; saranno utilizzati strumenti audiovisivi e risorse on line.

Il programma da 6 cfu per STUDENTI FREQUENTANTI prevede lo studio dei testi adottati n. 1, 2, 3, 4 secondo le indicazioni riportate accanto a ogni libro.

Il programma da 6 cfu per STUDENTI NON FREQUENTANTI prevede lo studio dei testi adottati n. 1, 2, 3, 4, 6, 7 secondo le indicazioni segnalate accanto a ogni volume.
TUTTI GLI STUDENTI NON FREQUENTANTI sono tenuti a contattare la docente per informazioni sul programma.

In ogni caso il testo n. 5 è consigliato.

Metodi didattici
  • - lezioni frontali, dialogate, partecipate
    - esercitazioni, dibattiti
    - interventi di studenti sotto la supervisione della docente
    - seminari, incontri, altre attività
    - utilizzo di strumenti informatici, risorse on line, videoproiettore, materiali audio-video
    - teoria, critica, analisi testuale
Modalità di valutazione
  • Prova finale orale

    La prova orale prevede quesiti formulati su problematiche teoriche, argomenti, contesto storico-culturale e letterario, scrittrici, autori, testi e opere che sono oggetti di studio nel programma d'esame.

    Sono valutate le conoscenze, le competenze e le abilità acquisite, la correttezza e la completezza delle informazioni, l'organizzazione logica del discorso, la rielaborazione e la capacità di analisi critica anche testuale, la proprietà di linguaggio e la correttezza sintattica dell'esposizione.