Filosofia politica

  • Filosofia politica Classe: LM-84
  • A.A. 2015/2016
  • CFU 6, 6, 9(m)
  • Ore 30, 15, 30(m)
  • Classe di laurea L-5, LM-84(m)
Carla Danani / Professore di ruolo - II fascia / Filosofia morale (M-FIL/03)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

----------------------

Obiettivi del corso

Conoscere i concetti fondamentali ed i principali paradigmi teorici della filosofia politica; conoscere le teorie e il contenuto dei testi fondamentali degli autori considerati i classici della storia della filosofia politica; saper comprendere i nuclei problematici individuando le questioni in gioco e le loro connessioni; acquisire un metodo adeguato per la comprensione dei testi filosofici; acquisire competenze nell'analisi, nell'argomentazione e nella comunicazione.

Programma del corso

La filosofia politica: modelli, concetti, teorie. Approfondimento: legge naturale/diritto naturale.
ll corso prende le mosse da alcune riflessioni sullo statuto proprio della filosofia politica, per poi rivolgersi nella prima parte alla presentazione dei suoi principali modelli teorici e concetti fondamentali (con attenzione storica ma anche ai nodi teoretici, in costante riferimento ai testi "classici"; in particolare: 1) Platone, Aristotele, Tommaso d'Aquino, Maritain, 2) Hobbes, Locke, Rousseau; 3) Marx, Arendt, Rawls, Sen. Una seconda parte del corso viene dedicata all'approfondimento, anche con lo svolgimento di lavori scritti e relazioni orali da parte de* student*, sui temi legge naturale/diritto naturale.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Stefano PETRUCCIANI Modelli di filosofia politica Einaudi, Torino, 2003
  • 2.  (A) C. Galli (a cura di) I grandi testi del pensiero politico Il Mulino, Bologna, 2011
  • 3.  (C) J. Rawls Lezioni di storia della filosofia politica Feltrinelli, Milano, 2009
  • 4.  (A) F. Viola Il dibattito contemporaneo sulla legge naturale in "Aggiornamenti sociali", 12, Milano, 1997 » Pagine/Capitoli: pp. 883-894
  • 5.  (A) F. Viola I diritti umani sono naturali? in Natura in etica, "Annuario di etica", 6 , Milano, 2009 » Pagine/Capitoli: pp. 69-92
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

* Materiali d'esame riferiti alla prima parte del corso:
- i frequentanti aggiungono al testo di Petrucciani indicato in bibliografia gli appunti e i materiali forniti a lezione;
- i non frequentanti e coloro che devono svolgere un programma da 9 CFU aggiungono al testo di Petrucciani: R. Gatti, Filosofia politica. Gli autori, i concetti, i problemi, La scuola, Brescia 2011 (seconda edizione riveduta e ampliata)
* Materiali d'esame riferiti alla seconda parte del corso:
oltre ai due saggi di F. Viola indicati in bibliografia, a scelta uno di questi testi: L. Strauss, Diritto naturale e storia; Ernst Bloch: Diritto naturale e dignità umana; J. Maritain, Nove lezioni sulla legge naturale; J. Finnis, Legge naturale e diritti naturali

Metodi didattici
  • Le lezioni si svolgono sia in forma espositiva sia in forma dialogica; vengono presentate e discusse le linee portanti delle posizioni teoriche dei "classici" della filosofia politica, sollecitando ciascuno studente ad un autonomo tentativo di ricavarne chiavi interpretative per la comprensione anche critica delle questioni della vita associata. Nella parte più seminariale del corso si intende accompagnare gli studenti ad imparare a individuare in modo autonomo nuclei teoretici problematici, a discuterne in modo argomentato, ad elaborare riflessioni critiche appropriate, a lavorare in gruppo e ad esporre in modo chiaro e argomentato le proprie considerazioni.
Modalità di valutazione
  • La prova è orale. La prova intende accertare se l* student* ha acquisito la conoscenza delle diverse posizioni teoriche e del lessico filosofico-politico, se è in grado di comprendere i nuclei problematici, se sa esprimersi in modo pertinente e argomentato. La prova si considera superata se è stata acquisita almeno la conoscenza dei principali paradigmi della storia della filosofia politica e la competenza di esporli facendo uso di categorie e argomentazioni pertinenti.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

inglese

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

------------------