Filosofia dell?abitare

  • A.A. 2015/2016
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea L-5
Carla Danani / Professore di ruolo - II fascia / Filosofia morale (M-FIL/03)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

---------

Obiettivi del corso

Conoscere prospettive teoriche, categorie interpretative e modalità argomentative rilevanti per la considerazione della dimensione della spazialità, acquisire la capacità di avvalersene per analizzare e descrivere le questioni della convivenza e i processi sociali e per riflettere criticamente su di essi.

Programma del corso

Titolo: Abitare il mondo: relazioni e pratiche di luoghi.

Prendendo le mosse da una fenomenologia dell'essere umano come coscienza incarnata, il corso tratta del nodo teorico della "coscienza di luogo", del nesso tra dimensione sociale e dimensione spaziale, della spazialità come fattore di contenuto e non solo di contesto delle questioni di giustizia. Nell'ambito del corso viene previsto un approfondimento multidisciplinare per approfondire il tema delle diverse pratiche e rappresentazioni dei luoghi e riflettere criticamente sulle dinamiche di legittimazione che di esse si avvalgono.
Viene organizzato un convegno internazionale sul tema, come VI Colloquio di Etica, che fa parte integrante del corso.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) C. DANANI Abitanti, di passaggio. Riflessioni filosofiche sull'abitare umano Aracne, Roma, 2013
  • 2.  (A) D. MASSEY Luoghi, culture, globalizzazione Utet, Torino, 2001 » Pagine/Capitoli: pp. 33-143
  • 3.  (A) G. SIMMEL Lo spazio e gli ordinamenti spaziali della società in Id., Sociologia, , Milano, 1989
  • 4.  (A) E. SOJA Seeking Spatial Justice University of Minnesota Press, Minneapolis-London, 2010 » Pagine/Capitoli: il cap. 3, Building a Spatial Theory of Justice, pp. 67-110
  • 5.  (A) M. FOUCAULT Sorvegliare e punire. Nascita della prigione Einaudi, Torino, 1976 » Pagine/Capitoli: 147-281
  • 6.  (C) P. FLORENSKIJ La prospettiva rovesciata Gangemi, Roma, 1990
  • 7.  (C) E. SOJA Dopo la metropoli Patron, Bologna, 2007
  • 8.  (C) G. ROSE Visual Methodologies Sage, London, 2012
  • 9.  (C) S. PILE - M. KEITH (edd.) Place and the Politics of identity Routedge, London, 1993
  • 10.  (A) A. MAGNAGHI Progetto Locale. Verso la coscienza di luogo Bollati Boringhieri, Torino, 2015 » Pagine/Capitoli: Parte 1, cap. 3, 4, 5
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Ulteriori indicazioni bibliografiche utili per approfondire il tema affrontato saranno fornite durante le lezioni.

Metodi didattici
  • Le lezioni si svolgono sia in forma espositiva sia in forma dialogica, procedendo a ricognizioni fenomenologiche, analizzando posizioni teoriche e articolando riflessioni di carattere trascendentale; vengono favoriti la discussione critica ed il confronto riflessivo tra posizioni differenti, per contribuire allo sviluppo della capacità di svolgere argomentazioni personali.
Modalità di valutazione
  • La prova è orale. La prova intende accertare se l* student* conosce le argomentazioni e i temi offerti dalle diverse prospettive teoriche affrontate, sa analizzarli e ricostruirli in modo riflessivo e critico, sa comunicare con un linguaggio pertinente ed una esposizione corretta. La prova si intende superata se l* student* ha acquisito la conoscenza delle categorie e delle argomentazioni basilari delle prospettive teoriche proposte ed è in grado di esporle con pertinenza.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

inglese

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

-----------------------