Diritto penale

  • A.A. 2017/2018
  • CFU 15
  • Ore 75
  • Classe di laurea LMG/01
Carlo Piergallini / Professore di ruolo - I fascia / Diritto penale (IUS/17)
Dipartimento di Giurisprudenza
Prerequisiti

E' necessaria la conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale

Obiettivi del corso

Obiettivo: Fornire agli studenti adeguate capacità interpretative, di analisi casistica,
di
qualificazione giuridica, di comprensione, rappresentazione e valutazione in
relazione
alle categoria dommatiche del diritto penale.

risultati attesi: l'apprendimento delle categorie fondamentali del diritto penale e
della politica
criminale. Aver acquisito la capacità di analizzare una fattispecie penale,
individuando in essa gli
elementi costitutivi del reato. Saper analizzare casi pratici al fine di individuare ed
interpretare i profi
i problematici attinenti al rispetto dei principi costituzionali e alle principali categorie
dommatiche
della norma penale

Programma del corso

Il Corso si suddivide in due moduli, svolti nell'arco dei due semestri. Il programma
dell'intero corso è il seguente:
IL SISTEMA SANZIONATORIO: le funzioni della pena, la commisurazione della pena, le
misure di sicurezza - LA LEGGE PENALE: le fonti e i limiti all'applicabilità della legge
penale - IL REATO: il concetto formale e sostanziale di reato, la struttura del reato -
ANALISI E SISTEMATICA DEL REATO: il fatto (nei reati commissivi e nei reati
omissivi); l'antigiuridicità; la colpevolezza - LE FORME DI MANIFESTAZIONE DEL
REATO: tentativo e concorso di persone, Unità e pluralità di reati, il reato
circostanziato. - LA RESPONSABILITA' DA REATO DEGLI ENTI. - DELITTI CONTRO IL
PATRIMONIO.






Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Marinucci Dolcini Manuale di diritto penale Giuffre, Milano, 2015 » Pagine/Capitoli: tutti i capitoli
  • 2.  (A) Ferrando Mantovani Diritto penale. Delitti contro il patrimonio CEDAM, PADOVA, 2014
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

In relazione alla parte speciale il programma per i frequentanti è il seguente:
F. MANTOVANI, Diritto penale. Delitti contro il patrimonio, Cedam, ultima edizione, capitoli: I, II, con esclusione dei furti minori, della sottrazione di cose comuni, delle appropriazioni minori, dei delitti di turbativa e di spoglio, III, con esclusione della frode nelle assicurazioni e in emigrazione, e IV.
Per i non frequentanti:
F. MANTOVANI, Diritto penale. Delitti contro il patrimonio, Cedam, ultima edizione, per intero.


I
Si rappresenta agli studenti che non hanno sostenuto o superato l'esame nell'anno accademico di pertinenza, che potranno continuare a fare riferimento al programma previsto per detto anno, curando di munirsi dei testi aggiornati.
Per gli studenti del biennio o per coloro che, per diverse ragioni, devono conseguire cinque/sei crediti formativi, il programma è il seguente: F. Mantovani, Diritto penale. Delitti contro il patrimonio, ultima edizione.
Per il conseguimento di un numero di crediti inferiore a cinque, il programma dovrà essere concordato con il docente. Si avverte, infine, che l'assegnazione della tesi di laurea rpesuppone il superamento dell'esame di diritto penale progredito.

Metodi didattici
  • didattica frontale
Modalità di valutazione
  • La prova d' esame è orale.
    Non è previsto l'esame scritto.

    Non ci sono prove intermedie.
    le domande saranno dirette ad accertare la capacità di orientarsi e formulare
    autonomamente collegamenti rispetto agli argomenti oggetto di studio, la padronanza
    del corretto linguaggio tecnico-giuridico.

    L'esame mira inoltre ad accertare la conoscenza degli istituti fondamentali del
    diritto penale; a valutare la capacità di interpretazione della fattispecie in concreto
    e il possesso, da
    parte del* candidat*, di una adeguata proprietà di linguaggio e argomentativa.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

nessuna

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

nessuna