Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Home Chiara Sirignano Didattica 2018/2019 Metodi e tecniche di valutazione dei bisogni educativi e formativi

Metodi e tecniche di valutazione dei bisogni educativi e formativi

  • A.A. 2018/2019
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-87
Chiara Sirignano / Professoressa di ruolo - II fascia / Pedagogia generale e sociale (M-PED/01)
Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo
Prerequisiti

/

Obiettivi del corso

All'interno della specifica angolazione e chiave di lettura della pedagogia sociale e
delle relazioni familiari, delle quali se ne definiranno le linee-guida, il corso si
occuperà dei diversi ambiti di ricerca e di applicazione sul campo relativi ai bisogni
educativi e formativi delle famiglie, riservando una particolare attenzione al tema
della mediazione familiare.
Gli studenti acquisiranno i fondamenti epistemologici della pedagogia sociale e delle
relazioni familiari, che consentiranno loro di analizzare le varie realtà sociali e
familiari con i relativi bisogni, di conoscerne i processi formativi ed educativi, nonché
di progettare percorsi educativi finalizzati al ben-essere personale e sociale dei
singoli, delle coppie e delle famiglie.

Programma del corso

- La pedagogia sociale: origini ed evoluzione.
- Le idee-guida della pedagogia sociale: partecipazione, animazione, analisi del
contesto, attività cooperativa, prevenzione.
- La pedagogia delle relazioni familiari: linee epistemologiche e ambiti di intervento.
- Contesto sociale e problematiche familiari.
- Le trasformazioni morfogenetiche e relazionali delle famiglie.
- Il divenire delle funzioni educative familiari.
- Le criticità della vita familiare.
- Le famiglie nella rete sociale.
- La pluralità familiare.
- Coniugalità, genitorialità e politiche familiari.
- Consulenza pedagogica, mediazione educativa familiare, parent training:
prospettive di interventi integrati.
- La mediazione educativa familiare (MEF).
- Pensare il "Centro di mediazione educativa familiare".
- Case-work: analisi delle fasi del percorso di mediazione educativa familiare.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) PATI L. (a cura di) Pedagogia della famiglia La Scuola, Brescia, 2014 » Pagine/Capitoli: 51-129/179-234/251-322/341-350/401-415
  • 2.  (A) SIRIGNANO C. La mediazione educativa familiare. Una risorsa formativa per le famiglie separate, divorziate e ricostituite. Armando, Roma, 2010 » Pagine/Capitoli: 11-131
  • 3.  (C) F. CANEVELLI-M. LUCARDI La mediazione familiare. Dalla rottura del legame al riconoscimento dell'altro Bollati Boringhieri, Torino, 2008 » Pagine/Capitoli: 7-275
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

- Non vi sono distinzioni di programma per gli studenti non frequentanti.
- Nel corso delle lezioni saranno inseriti materiali integrativi reperibili nella sezione Metodi e tecniche di valutazione dei bisogni educativi e formativi della pagina web del docente.

Metodi didattici
  • - Didattica frontale.
    - Didattica dialogata.
    - Visione di materiale audio-video.
    - Case-work: analisi di casi specifici di mediazione educativa.
Modalità di valutazione
  • La modalità di valutazione sarà orale. Le domande saranno tese all'accertamento
    che lo studente abbia compreso i fondamenti epistemologici della pedagogia
    sociale e delle relazioni familiari, le modalità di riconoscimento dei bisogni
    educativi e formativi ed i processi di progettazione educativa relative alle diverse
    realtà familiari con una particolare attenzione alla mediazione educativa
    familiare.
    La valutazione complessiva sarà ottenuta dall'analisi dei seguenti indicatori:
    . correttezza e proprietà nell'uso del linguaggio;
    . correttezza e completezza delle conoscenze;
    . capacità di elaborazione critica delle conoscenze attraverso la progettazione di
    interventi educativi nei servizi sociali.