Lingua e traduzione cinese ii - Mod. b "prassi traduttiva 2"

  • A.A. 2014/2015
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea L-12
Cristiana Turini / Ricercatrice T.D. / Lingue e letterature della Cina e dell'Asia sud-orientale (L-OR/21)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Aver sostenuto con successo l'esame completo di "Lingua e Traduzione cinese I" e quello del modulo A di "Lingua e Traduzione Cinese II". Aver sostenuto e superato lo scritto del modulo B, prima di aver accesso all'orale dello stesso modulo. Conoscenza dell'inglese e, preferibilmente, anche del francese. Per gli studenti non di madrelingua italiana è anche richiesta una buona conoscenza dell'italiano.

Obiettivi del corso

Il corso si propone di introdurre gli strumenti teorici e metodologici di base per l'analisi e la traduzione di testi scritti, nonché di consolidare la conoscenza delle strutture morfosintattiche del cinese, anche attraverso il confronto con i testi, affinché esse possano essere correttamente riutilizzate nella prassi traduttiva. A fine corso si prevede che lo studente abbia acquisito la capacità di relazionarsi con alcune specifiche tipologie traduttive, che abbia acquisito le competenze necessarie alla comprensione e alla produzione di un testo di livello medio-alto ed un bagaglio lessicale specifico di un settore traduttivo, in genere quello giornalistico e pubblicitario.Il conseguimento di approfondite conoscenze teoriche delle strutture linguistiche e delle variabili socio-linguistiche, di solide competenze anche culturali, potrà successivamente permettere l'accesso alle competenze più tecniche del settore della traduzione e dell'interpretazione di trattativa.

Programma del corso

Dopo aver affrontato in dettaglio l'uso del dizionario, il corso si propone di illustrare le più recenti correnti di teoria della traduzione, con particolare riferimento alla loro applicazione nel processo di passaggio dal testo cinese al testo italiano. Verranno affrontate le difficoltà del passaggio dalla lingua di partenza alla lingua di arrivo quando ci si trovi a confrontarsi con il cinese, la questione dell'intraducibilità e quella del confronto tra sistemi culturali. Si affronterà, quindi, la varietà della lingua cinese scritta con riferimento a varie tipologie testuali (articoli di giornale, prefazioni letterarie, lettere commerciali, fumetti, scrittura pubblicitaria), al fine di sviluppare nuove competenze linguistiche e terminologiche. Durante il corso, verranno presentate strategie e tecniche di base per la traduzione che lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito svolgendo esercizi di traduzione dal cinese, nonché di traduzione di brevi testi dall'italiano. Verrà completato lo studio di livello avanzato della grammatica cinese attraverso la spiegazione dei complementi predicativi e di alcune forme idiomatiche particolari.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (C) S. Bassnett, McGuire La traduzione : teorie e pratica Bompiani , Milano, 1999
  • 2.  (C) U. Eco Dire quasi la stessa cosa Bompiani , Milano , 2003 » Pagine/Capitoli: Capp. I, II, III, IV, V, VII, X, XIII
  • 3.  (C) B. Osimo Manuale del traduttore Hoepli, Milano , 2004 » Pagine/Capitoli: Intero volume
  • 4.  (C) N. Dutrait Leggere la Cina Editrice Pisani, Roma, 2005 » Pagine/Capitoli: Volume intero
  • 5.  (C) E. Eoyang Chen e Lin Yaofu (a cura di) Translating Chinese Literature Bloomington University Press , Bloomington , 1995 » Pagine/Capitoli: Volume intero
  • 6.  (A) Yang Jizhou Hanyu Jiaocheng Vol. 2b Beijing Yuyan Wenhua Daxue, Pechino, 2001 » Pagine/Capitoli: pp. 207
  • 7.  (C) Giorgio Casacchia-Bai Yukun Grande dizionario cinese-italiano ISIAO, Roma, 2009
  • 8.  (A) AA.VV. Concise English-Chinese/Chinese-English Dictionary Commercial Press e Oxford University Press, Pechino, 2003
  • 9.  (C) Magda Abbiati Grammatica del Cinese Moderno Cafoscarina, Venezia, 2002
  • 10.  (A) Li Dejin A Practical Chinese Grammar for Foreigners Sinolingua, Pechino, 1999
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Durante il corso, sarà cura del docente distribuire agli studenti vari materiali didattici in lingua cinese, tra cui articoli di stampa su politica estera ed economia, lettere commerciali, brani di scrittura teatrale, passi di letteratura contemporanea, prefazioni di testi, articoli a carattere commerciale.

Metodi didattici
  • -Lezioni frontali e dialogate;
    -Esercitazioni scritte e orali sui diversi temi grammaticali e sintattici affrontati durante il corso;
    -Esercitazioni in piccolo e medio gruppo di prassi traduttiva;
    -Ascolto di materiali audio;
    -Impiego di videoproiettore e supporti multimediali;
    -Attività seminariali/laboratoriali.
Modalità di valutazione
  • La prova di accertamento sarà sia scritta sia orale. L'elaborato scritto conterrà una prova di dettato, una serie di esercizi semi-strutturati e a basso livello di strutturazione, atti a verificare la capacità dello studente di applicare correttamente le strutture grammaticali studiate. Si richiederà, inoltre, che lo studente dimostri di aver acquisito la capacità di tradurre frasi di difficoltà medio-alta dall'italiano, contenenti le strutture incontrate nel corso delle esercitazioni di prassi traduttiva. Il discente sarà, poi, chiamato a dar prova di essere in grado di tradurre, con l'uso del dizionario, un brano relativo al linguaggio settoriale approfondito durante il corso. La prova orale consterà di un colloquio in cui lo studente sarà chiamato a commentare e, eventualmente, correggere gli errori commessi nella prova scritta, seguiranno domande sulla conoscenza delle teorie e degli argomenti illustrati, infine affronterà una prova di conversazione con l'esperto linguistico.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

Cinese

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

Cinese