Lingua e traduzione cinese i - Mod. b

  • Chinese Classe: LM-52
  • A.A. 2014/2015
  • CFU 6, 8(m)
  • Ore 30, 40(m)
  • Classe di laurea L-12, LM-52(m)
Cristiana Turini / Ricercatrice T.D. / Lingue e letterature della Cina e dell'Asia sud-orientale (L-OR/21)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

E' richiesta una buona conoscenza della lingua inglese e, preferibilmente, anche del francese. Per gli studenti non di madrelingua italiana è richiesta anche una buona conoscenza dell'italiano. Aver superato con successo la prova scritta, prima di accedere all'orale.

Obiettivi del corso

Avviare lo studente alla conoscenza delle strutture base della frase. Dotare lo studente di un bagaglio lessicale di 300 parole. Preparare lo studente affinché a fine corso sia in grado di comprendere un testo elementare letto in cinese, di sostenere brevi conversazioni su argomenti legati alla quotidianità, di tradurre frasi semplici dall'italiano.

Programma del corso

Le lezioni, dedicate allo studio sistematico della lingua cinese, sia scritta, sia parlata, saranno organizzate secondo un grado di progressiva difficoltà. Lo studente verrà dotato di competenze relativamente agli elementi della grammatica cinese di base. Ampio spazio verrà dato allo studio della determinazione nominale, che sarà approfondita, riconoscendo sia una determinazione semplice, accompagnata dalla spiegazione relativa al raddoppiamento degli aggettivi, sia una determinazione complessa, accompagnata dalla spiegazione relativa all'ordine dei suoi costituenti. Saranno anche illustrate le preposizioni più comuni e verrà spiegato l'uso dei relativi gruppi preposizionali quali determinanti verbali. Si procederà allo studio di avverbi come "jiu" e "cai". Dell'assai ampio apparato di forme di congiunzione di cui dispone la lingua cinese, verranno considerate le principali e la locuzione "zai...de shihou", impiegata in qualità di connettore. In merito al gruppo verbale, verranno considerati significato e modalità del raddoppiamento del verbo, sarà studiato nel dettaglio l'aspetto dell'azione, mentre relativamente alle costruzioni verbali complesse ci si soffermerà sulle costruzioni seriali e su quelle telescopiche. Si affronterà, quindi, lo studio delle frasi con verbi di esistenza, dei suffissi locativi e dei localizzatori, nonché quello delle varie tipologie di verbi modali.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Yang Jizhou Hanyu Jiaocheng, Voll. 1A e 1B Beijing Yuyan Wenhua Daxue, Pechino, 2001 » Pagine/Capitoli: Vol. 1A, pp. 131 - Vol.1B, pp. 192
  • 2.  (A) AA.VV. Concise English-Chinese/Chinese-English Dictionary Commercial Press e Oxford University Press, Pechino, 2003 » Pagine/Capitoli: Pp. 676
  • 3.  (C) Giorgio Casacchia, Bai Yukun Grande Dizionario Cinese-Italiano ISIAO, Roma, 2009 » Pagine/Capitoli: Pp. 2000
  • 4.  (C) Magda Abbiati Grammatica di Cinese moderno Cafoscarina, Venezia, 2005
  • 5.  (A) Li Dejin A Practical Chinese Grammar for Foreigners Sinolingua, Pechino, 1999
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Sia per gli studenti che intendano acquisire, tramite l'insegnamento di "Lingua e Traduzione I", 15 CFU, sia per quelli che vogliano acquisire 6 CFU gli strumenti didattici ed i programmi risultano essere i medesimi. Della differenza verrà tenuta considerazione nell'ambito della prova scritta che, per gli studenti che intendano sostenere l'esame da 6 CFU, non includerà né il dettato, né la traduzione di frasi dall'italiano.
E' fortemente consigliata la frequenza al corso e alle lezioni dell'esperto linguistico.

Metodi didattici
  • - Lezioni frontali e dialogate;
    -Ascolto di materiali audio;
    -Impiego di supporti multimediali;
    -Attività seminariali/laboratoriali

    Il corso verrà affiancato da attività di traduzione, organizzata in piccoli gruppi, al fine di permettere a ciascuno studente
    di misurarsi sin dall'inizio con i problemi reali di traduzione che una lingua come il cinese presenta. Queste attività saranno programmate in modo sinergico con le attività del lettore madrelingua, in modo che lo studente possa mettere in pratica a più livelli le conoscenze acquisite in forma teorica durante le lezioni.



Modalità di valutazione
  • La prova di accertamento sarà sia scritta sia orale. L'elaborato scritto conterrà un dettato, una serie di esercizi atti ad accertare la conoscenza da parte dello studente del programma svolto. Le prove contenute nell'elaborato saranno strutturate (test a completamento) e a basso livello di strutturazione. Richiederà, inoltre, la traduzione di frasi dall'italiano al cinese contenenti le strutture grammaticali affrontate durante il corso e le attività traduttive svolte durante l'anno. Sarà, inoltre, richiesto allo studente di dar prova di aver acquisito le competenze linguistiche necessarie anche nella traduzione dal cinese all'italiano, attraverso lo svolgimento della traduzione di un breve passo, contenente lessico di base e strutture grammaticali essenziali. La prova orale prevederà la discussione dell'elaborato scritto, nonché di esempi e norme tratte dal programma svolto e una parte di conversazione.
Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

Cinese