Etica fondamentale - Mod. 1 - etica della persona

  • A.A. 2017/2018
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-78
Donatella Pagliacci / Professoressa di ruolo - II fascia / Filosofia morale (M-FIL/03)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Conoscenze della Storia della filosofia e delle correnti della filosofia contemporanea
acquisite durante il corso di Laurea Triennale.

Obiettivi del corso

Il corso intende accostarsi alla nozione di dignità umana, elaborata in ambito
contemporaneo, attraverso l'analisi del rapporto tra amore e giustizia. Il confronto
con alcune interpretazioni come quella di P. Ricoeur, M. Nussbaum e V. Jankélévitch
consente di apprezzare approcci differenti al tema per realizzare un'analisi critica dei
testi, ricostruendone presupposti teorici e peculiarità. Verrà in particolare affrontata
la questione del rapporto tra la tonalità affettiva dell'amore e la prassi della giustizia
entro lo spazio privato dei rapporti corti, cogliendo alcune possibili ricadute a livello
sociale.

Programma del corso

ILa dignità umana tra amore e giustizia
- lo statuto normativo dell'amore
- dignità e libertà umana
- la cattiva coscienza


Avvertenza per i NON frequentanti
Per gli studenti che non possono assicurare la frequenza alle lezioni, oltre ai testi
adottati (A) nelle parti indicate dovranno dimostrare la conoscenza di almeno uno a
scelta tra quelli consigliati (C) da concordare preventivamente con la docente.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) P. RICOEUR Amore a giustizia Morcelliana , Brescia, 2000
  • 2.  (A) D. JERVOLINO L'amore difficile Studium, Roma , 1995 » Pagine/Capitoli: pp. 9-111; 135-153.
  • 3.  (A) M. NUSSBAUM Perché l'amore conta per la giustizia, il Mulino , Bologna, 2014 » Pagine/Capitoli: pp. 139-480
  • 4.  (A) V. JANKÉLÉVITCH Il puro e l'impuro, Einaudi , Torino, 2014 » Pagine/Capitoli: pp. 193-224.
  • 5.  (A) V. JANKÉLÉVITCH Il perdono Edizioni IPL, Milano, 1968 » Pagine/Capitoli: pp. 89-145
  • 6.  (C) D. JERVOLINO Introduzione a Ricoeur Morcelliana, Brescia , 2003
  • 7.  (C) M. PIRAS (a cura di) Meltemi. Saggezza e riconoscimento. Il pensiero etico-politico dell'ultimo Ricoeur Meltemi, Roma , 2007
  • 8.  (C) D. M. CANANZI Interpretazione, alterità giustizia. Saggio sul pensiero di Paul Ricoeur Nuova cultura, Roma , 2008
  • 9.  (C) V. JANKÉLÉVITCH Il non so che e il quasi niente Einaudi , Torino , 2011
  • 10.  (C) E. LISCIANI PETRINI In dialogo con V. Jankélévitch Mimesis, Milano, 2009
  • 11.  (C) E. LISCIANI PETRINI Saggio su Jankélévitch Mimesis, Milano, 2013
  • 12.  (C) M. NUSSBAUM Giustizia sociale e dignità umana. Da individui a persone il Mulino , Bologna, 2001
  • 13.  (C) E. BAGLIONI Sull'uso pratico delle emozioni. Il liberalismo progressista di Martha Nussbaum Edizioni Nuova Cultura, Roma , 2011
  • 14.  (C) F. ABBATE L' occhio della compassione. Immaginazione narrativa e democrazia globalizzata in Martha Nussbaum Studium, Roma , 2005
Metodi didattici
  • Accanto alle lezioni frontali saranno promossi e valutati percorsi di approfondimento,
    individuali o per piccoli gruppi, su tematiche specifiche da correlare a quelle già
    affrontate durante il corso. Tali approfondimenti saranno presentati mediante una
    esposizione orale e una breve relazione scritta.
Modalità di valutazione
  • La verifica orale intende accertare la conoscenza specifica dei testi e degli autori
    affrontati, la capacità critica di individuare continuità e discontinuità tra le diverse
    posizioni teoriche e capacità di affrontare in modo dialogico-critico i diversi
    argomenti. Il punteggio sarà assegnato sulla base del pieno soddisfacimento dei tre
    indicatori della conoscenza, capacità di analisi critica dei testi e capacità di
    intraprendere un dialogo costruttivo anche su tesi diverse dalla propria. L'eventuale
    relazione scritta inciderà nell'assegnazione della valutazione finale.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

francese e inglese