Glottodidattica

  • A.A. 2019/2020
  • CFU 9
  • Ore 45
  • Classe di laurea LM-37
Edith Cognigni / Ricercatrice / Didattica delle lingue moderne (L-LIN/02)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Ottima conoscenza della lingua italiana. La frequenza di un precedente corso di didattica delle lingue o di linguistica può facilitare la comprensione dei contenuti e la partecipazione attiva al corso.

Obiettivi del corso

Conoscere i principali orientamenti teorico-metodologici della glottodidattica
e saperli adattare ai diversi contesti di insegnamento linguistico.

Programma del corso

Il modulo intende fornire una formazione teorico-metodologica nell'ambito della
glottodidattica, sviluppando un approccio critico all'apprendimento/insegnamento delle lingue straniere o seconde.
Dopo aver introdotto i fondamenti storico-epistemologici della glottodidattica, si tratteranno le principali ipotesi teoriche relative all'apprendimento linguistico e i diversi
approcci e metodi che ne sono conseguiti. Saranno prese in esame le principali caratteristiche dell'apprendente che incidono sull'acquisizione linguistica; le varie fasi della progettazione didattica, dall'analisi dei bisogni fino all'accertamento delle competenze linguistiche; la lingua dello studio e la metodologia CLIL; i più recenti orientamenti della politica linguistica educativa europea, con particolare riferimento all'educazione plurilingue e interculturale.
Le modalità didattiche del corso prevedono una partecipazione attiva da parte di studentesse e studenti, cui saranno proposti lavori di coppia e di gruppo, attività laboratoriali ed esercitazioni in aula con uso di dispositivi e risorse informatiche per il reperimento e/o l'analisi di testi e materiali glottodidattici. Studenti e studentesse potranno inoltre fare interventi programmati collaborativi su argomenti specialistici a fronte di una riduzione del programma d'esame.



Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) CHINI M., BOSISIO C. (a cura di) Fondamenti di glottodidattica. Apprendere e insegnare le lingue oggi Carocci, Roma, 2014 » Pagine/Capitoli: capp. 1, 3, 4, 5
  • 2.  (A) DIADORI P., PALERMO M., TRONCARELLI D. Insegnare l'italiano come seconda lingua Carocci, Roma, 2015 » Pagine/Capitoli: capp. 5, 7
  • 3.  (A) CALO' R. Educazione linguistica e plurilinguismo. Dal progetto europeo al contesto italiano Aracne, Roma, 2015 » Pagine/Capitoli: capp. 1, 3, 5, 6 parte I; 2, 4 parte II
  • 4.  (C) BALBONI P.E. Le sfide di Babele. Insegnare le lingue nelle società complesse UTET Università , Torino, 2015
  • 5.  (C) Council of Europe CEFR - Companion Volume with New Descriptors https://rm.coe.int/cefr-companion-volume-with-new-descriptors-2018/1680787989, Strasbourg, 2018
  • 6.  (C) CANDELIER M. et al. Il CARAP, un Quadro di Riferimento per gli Approcci Plurali alle Lingue e alle Culture. Competenze e risorse https://riviste.unimi.it/index.php/promoitals/article/view/2823, online, 2012
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Il programma del corso comprende i capitoli indicati dei testi adottati 1, 2 e 3, gli appunti e i materiali delle lezioni. Ulteriori indicazioni e materiali di approfondimento saranno resi disponibili durante il corso.
Gli studenti e le studentesse non frequentanti integreranno i capitoli sopra indicati dei testi in adozione con i capp. 3, 5, 6, 10 del testo nr. 4 (Balboni 2015).

Metodi didattici
  • - Tipologia della lezione: lezione frontale e partecipata, esercitazioni in aula, impiego di risorse online, lavori di coppia e di gruppo, attività laboratoriali.
    - Strumentazione: uso di supporti multimediali ed audiovisivi; videoproiettore.
    - Approccio didattico: presentazione delle principali nozioni teoriche ed applicative; adozione di una prospettiva diacronica e sincronica; articolazione della lezione in momenti teorico-
    metodologici ed applicativi.
Modalità di valutazione
  • Frequentanti: prova scritta (70%) con domande a risposta aperta sul programma del corso (un fac-simile della prova scritta sarà reso disponibile al termine del corso) + intervento programmato durante il corso o breve colloquio orale su specifici argomenti del programma (30%).
    Non frequentanti: l'esame consiste in una prova orale sul programma sopra indicato.

    Indicatori: conoscenza degli argomenti indicati (50%); competenze teorico-metodologiche sviluppate (25%); proprietà di linguaggio e appropriatezza terminologica.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

inglese e lingue romanze