Metodologie dell'interpretazione

  • A.A. 2018/2019
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-78
Fabiola Falappa / Professoressa a contratto
Prerequisiti

Nessuno

Obiettivi del corso

Il corso ha come obiettivo principale l'acquisizione di conoscenze e criteri circa le
principali metodologie del pensiero, includendo l'apertura interdisciplinare e quella
interculturale. I risultati di apprendimento attesi si evidenzieranno nella capacità di
descrivere tali metodologie, di discuterne senso e fondamenti, di applicarli a qualche
questione filosofica saliente.

Programma del corso

Pienezza dell'identità umana e storia dell'essere: "Il principio speranza" di Ernst Bloch

Lo scopo del corso è quello di far luce sul rapporto tra la speranza, la felicità e la ricerca
della pienezza dell'identità umana in relazione con la storia dell'essere, ossia con il
divenire del mondo. Si tratterà quindi di chiarire il senso, la rilevanza esistenziale e la
profondità ontologica della categoria di speranza. L'interrogativo da cui prende il via il
percorso è il seguente: la concezione blochiana ha la capacità di dare conto di una
speranza valida e razionalmente sostenibile a fronte delle vicende della storia? In tale
ottica si tratterà di interpretare il metodo proposto da Ernst Bloch nel ripensare la stessa
ontologia, proponendola come fondazione teoretica che integra la fondazione micrologica
- incentrata sull'ascolto delle espressioni della coscienza anticipante - e ne illumina il
senso.
Un'indicazione-chiave per intendere tale prospettiva ontologica risiederà nel considerare
che essa si muove nell'ordine di significati tipico di un "codice materno", dove i classici
riferimenti logici della metafisica - essere, essenza, fondamento, principio, causa - sono
trasfigurati in termini di maternità, grembo, generatività, fecondità, gestazione, vita,
intenzionalità di futuro. In un orizzonte simile l'essere è la vita, con le sue virtualità
espansive anche se vulnerabili, ma appunto si tratta, paradossalmente, di una vita
ancora non nata, di una vita nascente, in cerca del suo compimento.
Si schiuderà allora l'orizzonte escatologico dell'ermeneutica della storia, che tuttavia va al
di là di una semplice prefigurazione del fine e del finale del viaggio dell'umanità nel
mondo. Sarà importante confrontarsi, inoltre, con il contenuto dell'Ora intensivo, ciò che
è latente nell'oscurità dell'attimo vissuto che tutti sentiamo nell'esperienza quotidiana.
Secondo l'autore è qui che sussiste la prossimità di un nocciolo di vita qualitativamente
diversa da quella che sperimentiamo, un nocciolo di eternità, di vita intatta, che potrebbe
irrompere nel tempo quotidiano e nel tempo storico, trasformando entrambi e aprendo
una condizione di completa realizzazione dell'essere per tutti i viventi.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) E. Bloch Das Prinzip Hoffnung in Gesamtausgabe, Suhrkamp, Frankfurt am Main 1959-1978, Bd. 5; tr. it. di Enrico De Angelis e Tomaso Cavallo, Il principio speranza Garzanti, Milano, 1994 » Pagine/Capitoli: parti scelte:
  • 2.  (A) F. Falappa Per una ermeneutica della storia. Ontologia e speranza nel pensiero di Ernst Bloch Franco Angeli, Milano , 2017 » Pagine/Capitoli: parti scelte: pp. 63-124.
  • 3.  (C) Ernst Bloch Experimentum Mundi, Frage, Kategorien des Herausbringens, Praxis in Gesamtausgabe, cit., Bd. 15; tr. it. di Gerardo Cunico, Experimentum Mundi. La domanda centrale, le categorie del portar-fuori, la prassi Queriniana, Brescia , 1980 » Pagine/Capitoli: parti scelte
  • 4.  (C) Cunico G. (a cura di) Attualità e prospettive del «Principio speranza». L'opera fondamentale e il pensiero di Ernst Bloch La città del sole, Napoli, 1998
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

In portineria verranno lasciati degli schemi delle lezioni del corso.
I non frequentanti non dovranno portare materiale aggiuntivo rispetto ai testi indicati e alla dispensa reperibile presso la portineria della sede del corso (via Garibaldi, 20, 62100 Macerata)

Metodi didattici
  • Lezioni frontali dialogate,
    relazioni degli studenti durante il corso, con strutturazione di eventuali attività di ricerca.
Modalità di valutazione
  • Saranno valutate le competenze circa i contenuti del corso, l'adeguata conoscenza sia
    degli argomenti sia del linguaggio tecnico e specifico dell'autore, la padronanza dei
    contenuti suddetti in particolar modo mostrando di essere capaci di conoscere le
    implicazioni che tali contenuti hanno in relazione ad altre tematiche più complesse.
    Il voto sarà assegnato sulla base dei seguenti criteri: conoscenza dei contenuti del corso
    (40% del voto); capacità di interpretare in maniera soddisfacente un testo scelto (20%
    del voto); capacità di analisi critica (20% del voto); proprietà di linguaggio (20% del
    voto).