Informazioni
» Vai all'elenco delle AULE TEAMS dei docenti

Filosofia dell'educazione

  • A.A. 2018/2019
  • CFU 10
  • Ore 60
  • Classe di laurea LM-85
Flavia Stara / Professoressa di ruolo - I fascia / Pedagogia generale e sociale (M-PED/01)
Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo
Prerequisiti

Si rinvia alla pagina docenti

Obiettivi del corso

Il corso si propone di raggiungere alcuni obiettivi formativi specifici, espressi sotto forma di risultati di apprendimento attesi.
Conoscenza dei principali paradigmi di un approccio di ricerca multiculturale e interdisciplinare.
Comprensione delle dinamiche che intercorrono nel rapporto tra il processo di formazione, le categorie di democrazia rappresentativa e partecipativa e le pratiche sociali di dialogo.
Interpretazione di determinati problemi educativi da una prospettiva di consapevolezza delle molteplici strutture regolative della contemporaneità (diritti, umani, etiche applicate, compagini economiche).
-Valorizzazione della abilità comunicative e dell'autonomia di giudizio, attraverso l'approfondimento della riflessione teoretica e delle capacità critiche. Potenziamento delle competenze linguistiche pedagogico-filosofiche e individuazione di percorsi euristici in riferimento alla prassi educativa.

Programma del corso

DIRITTI UMANI, MULTCULTURALISMO E DEMOCRAZIE
La finalità formativa del corso è quella di fornire avanzate e specifiche competenze teorico-critiche necessarie per progettare e creare percorsi educativi nella contemporaneità.
Contenuti principali del corso:

- Temi e problemi educativi contemporanei e loro comprensione nei termini della relazione che lega la dimensione conoscitiva ed epistemologica alla dimensione sociale. Analisi del rapporto particolarità/universalità dalla prospettiva multiculturale, nelle pratiche e nei saperi da essa attivati (processi formativi e concezioni antropologiche, etiche applicate, valori e finalità educative);
- Diritti umani e processi integrativi nelle diverse culture;
-Il fattore religioso come elemento di internazionalità dei diritti umani;
-Analisi dei concetti di moralità «spessa», espressione dettagliata, idiomatica e circostanziata delle tradizioni, delle abitudini e delle forme di vita condivise in una cultura, e di una moralità «sottile» costituita per lo più da ingiunzioni negative, che si libera dal radicamento in una comunità particolare;
-Confronto tra istituti di democrazia rappresentativa e pratiche di democrazia partecipativa (sfide e limiti della democrazia partecipativa;
-Elaborazione di assi principali di lavoro per l’educazione alla cittadinanza democratica:
• interrelazione fra l'acquisizione e la messa in pratica di diritti e responsabilità;
• promozione di un ambiente educativo che riconosca e incoraggi gruppi di apprendimento partecipativi e lo scambio delle posizioni insegnante-allievo;
• sviluppo di specifiche competenze cognitive, affettive e pratiche ed una loro combinazione flessibile per rispondere efficacemente ai bisogni sociali;
• empowerment for social action/incoraggiare impegno e azione sociale sia dei gruppi educativi nel loro complesso, sia a livello specifico.
Programma da 10 CFU per gli studenti frequentanti e non frequentanti: non ci sono distinzioni di programma tra studenti frequentanti e non frequentanti, in entrambi i casi si studieranno i testi contrassegnati come adottati(A), seguendo le indicazioni delle pagine.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) R.Sante di Pol Educazione e diritti umani Marcovalerio edizioni, Torino, 2004 » Pagine/Capitoli: 185
  • 2.  (A) M.Walzer Geografia della morale. Democrazia, tradizioni e universalismo Dedalo, Bari, 2000 » Pagine/Capitoli: 128
  • 3.  (A) B. de Sousa Santos Democratizzare la democrazia Città Aperta, Trina, 2003 » Pagine/Capitoli: 100
  • 4.  (A) M.Manca Difformità educative per una società complessa ARAS, Fano, 2017 » Pagine/Capitoli: capitoli III,IV, pp.61-107
  • 5.  (A) G.Dammacco Diritti umani e fattore religioso nel sistema multiculturale mediterraneo Carocci, Bari, 2016 » Pagine/Capitoli: capitolo I, pp.11-74
  • 6.  (C) R.Panikkar Pace e Interculturalità Jaca Book, Milano, 2002 » Pagine/Capitoli: pp.144
Metodi didattici
  • - Lezioni frontali dialogate
    - Esercitazioni e ricerche in piccolo e medio gruppo
    - Visione di materiali audio-video
    - Produzioni (progetto didattico, presentazione di un argomento)
Modalità di valutazione
  • La prova di accertamento è orale. Consisterà in una serie di domande tese ad accertare la conoscenza teorico-critica, le abilità espositive e di sintesi, e l'autonomia di giudizio dello studente sulla materia trattata. Le domande saranno di tipo descrittivo (per verificare l'apprendimento e la comprensione dei contenuti), di tipo argomentativo (per verificare la capacità di collegamento e di riflessione) e di tipo applicativo (per verificare la capacità di tradurre in prassi educative i contenuti teorici studiati). L’efficacia della comunicazione sarà valutata anche dalla qualità dell'esposizione che dovrà essere corretta dal punto di vista grammaticale e sintattico e dell’uso di un lessico scientifico-disciplinare.