Filologia latina

  • A.A. 2016/2017
  • CFU 6, 12
  • Ore 30, 60
  • Classe di laurea LM-14,15
Francesca Boldrer / Professore di ruolo - II fascia / Lingua e letteratura latina (L-FIL-LET/04)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Conoscenza della lingua e letteratura latina.

Obiettivi del corso

Il corso ha l'obiettivo di approfondire dal punto di vista filologico le forme della "Laudatio" e "Consolatio", destinate alla memoria di un personaggio famoso o di un caro scomparso (o lontano) ed al conforto dei suoi familiari. Nella lettura dei testi (in prosa ed in poesia) si svilupperanno abilità analitiche, critiche ed ecdotiche affrontandone temi e problemi, approfonditi attraverso il confronto di edizioni critiche, l'esame di manoscritti, la lettura di saggi.

Programma del corso

1) Programma da 12 CFU per frequentanti: dopo una introduzione generale alla filologia latina, si tratterà la storia delle forme della Laudatio e Consolatio dalle testimonianze preletterarie agli sviluppi di età imperiale con analisi filologica di testi (contenuti, lingua, stile), analisi della tradizione manoscritta, confronto di edizioni critiche e codici (digitalizzati), lettura di saggi critici (due a scelta per l'esame tra quelli proposti). Testi analizzati: esempi di Laudationes (per Cesare, di Augusto); Pseudo-Ovidio, Consolatio ad Liviam; Seneca, Consolatio ad Helviam matrem e Ad Marciam.
2) Programma da 6 CFU per frequentanti: rispetto a punto 1, il programma è ridotto sia per la Consolatio ad Liviam (studio limitato ai vv. 1-236), sia per Seneca (solo Consolatio ad Helviam matrem); è richiesta la lettura di un solo saggio critico a scelta.
3) Programma per non frequentanti: prevede, oltre a quanto indicato al punto 1 o 2 (12 o 6 CFU), lo studio di L.D. Reynolds-N.G. Wilson, Copisti e filologi, Padova 1987.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Lucio Anneo Seneca Le consolazioni, a cura di A. Traina Rizzoli RCS, Milano, 1998
  • 2.  (C) Cesare Augusto Imperatore Gli atti compiuti e i frammenti delle opere, pp. 453-481 (orazioni) UTET, Torino, 2003 » Pagine/Capitoli: p. 453-481
  • 3.  (A) Pseudo-Ovidius Consolatio ad Liviam manoscritto (digitalizzato) Reg. Lat. 1621 , Biblioteca Apostolica Vaticana, 1493
  • 4.  (A) P. Ovidii Nasonis Halieutica...; Incerti Consolatio ad Liviam, a cura di F.W. Lenz Paravia, Torino, 1956
  • 5.  (C) H. Schoonhoven The Pseudo-Ovidian Ad Liviam De morte Drusi (with commentary) E. Forsten, Groningen, 1992
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

1) E' prevista la lettura di alcuni saggi critici (due a scelta):
- A . Traina, introduzione a Lucio Anneo Seneca, Le consolazioni, pp. 9-28 (vd. testo in programma)
- C. Pepe, Tra laudatio funebris romana e epitaphios greco: l'esempio degli elogi in morte di Cesare, I quaderni del ramo d'oro on-line, n. 4, 2011, pp. 1-15
- Poetae Latini minores, recensuit et emendavit Aem. Baehrens, vol. I (Incerti Consolatio ad Liviam), Lipsiae 1879, pp. 97-103 (introduzione)
- F. Ursini, Sul problema dell'autenticità e della datazione della Consolatio ad Liviam, Vichiana 51, 2014, pp. 93-120.
2) Nel corso delle lezioni saranno utilizzati audiovisivi e materiale didattico aggiuntivo (fornito dalla docente o disponibile nella biblioteca di Filologia Classica "C. Tibiletti" in via Garibaldi 20, Macerata)
3) Per i materiali non vi sono differenze per fasce di CFU (il programma da 6 CFU prevede una riduzione delle sezioni da preparare). Per i non frequentanti è previsto inoltre lo studio di L.D. Reynolds-N.G. Wilson, Copisti e filologi, Padova 1987.

Metodi didattici
  • Le lezioni si svolgeranno sia in forma frontale, attraverso l'esposizione storico-letteraria, l'analisi filologica, l'utilizzo di edizioni critiche e la lettura paleografica di manoscritti, sia con il coinvolgimento degli studenti in attività seminariali su passi delle opere trattate e saggi critici.
Modalità di valutazione
  • La valutazione è orale e si articola in tre parti: 1) filologico-letteraria (storia e caratteristiche dei generi della Laudatio e Consolatio, principali autori, saggi critici); 2) filologico-stilistica (lettura, traduzione ed analisi di aspetti e problemi filologici relativi a contenuto, lingua e stile dei testi esaminati); 3) filologico-ecdotica (analisi della tradizione manoscritta, lettura degli apparati critici dei testi esaminati e confronto con manoscritti). Le parti 1 e 3 varranno il 30% della valutazione complessiva, la parte 2 il 40%. Per i testi poetici è richiesta la lettura metrica. Eventuali interventi seminariali facoltativi contribuiranno alla valutazione.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

latino

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

latino