Filosofia della logica

  • A.A. 2017/2018
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-78
Francesco Orilia / Professore di ruolo - I fascia / Filosofia e teoria dei linguaggi (M-FIL/05)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Conoscenza della logica del prim'ordine classica acquisibile in un corso introduttivo di logica.
A chi non ha frequentato un corso di logica nel triennio e intende frequentare questo corso si
consiglia lo studio preliminare di un testo introduttivo di logica.

Obiettivi del corso

Gli studenti acquisiranno una preparazione di base su temi quali la nozione di validità logica,
l'interpretazione degli operatori logici, le estensioni della logica del prim'ordine, le logiche non
classiche, i paradossi logici e le principali questioni filosofiche connesse a questi argomenti. Si
arriverà a conoscere da un punto di vista sintattico e semantico sistemi di logica del secondo
ordine, modale, temporale, intuizionista, rilevante, paraconsistente, quantistica. Si mirerà a
raggiungere una padronanza di questi sistemi sufficiente per potere poi analizzare le
principali posizioni filosofiche presenti nel dibattito contemporaneo sulle questioni ontologiche
ed epistemologiche connesse alla logica modale e temporale e all'esistenza di sistemi logici
alternativi alla logica classica.

Programma del corso

1. Introduzione
2. Validità deduttiva e verità logica
3. Connettivi proposizionali
4. Quantificatori e termini singolari
5. Logica del second'ordine e teoria degli insiemi
6. Paradossi logici e semantici
7. Logica modale
8. Logica temporale
9. Logica polivalente
10. Logica intuizionista
11. Logica rilevante
12. Logica paraconsistente
13. Logica quantistica
14. Monismo, pluralismo, strumentalismo
15. Conclusione
Utilizzeremo come manuale di riferimento S. Haack, Filosofia delle logiche, ma durante il
corso verrà proposto anche lo studio e la lettura di altri testi, anche in lingua inglese,
importanti per approfondire il dibattito contemporaneo su questi argomenti.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Susan Haack Filosofia delle Logiche Franco Angeli, Milano, 1983 » Pagine/Capitoli: tutto (circa 300 pp.)
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Il libro adottato è attualmente fuori catalogo, ma è disponibile nella nostra biblioteca e sarà quindi possibile fotocopiarlo, se non verrà ristampato.

Metodi didattici
  • Il corso procederà attraverso lezioni frontali in cui verranno in primo luogo chiarite le nozioni
    tecniche necessarie per cogliere le caratteristiche dei vari sistemi logici che saranno oggetto
    d'indagine, per poi passare a una discussione delle questioni filosofiche connesse allo studio
    di questi sistemi. Per consolidare le conoscenze verranno proposte alcune esercitazioni scritte
    da svolgere a casa e che verranno corrette dal docente. Per approfondire le questioni
    filosofiche verrà offerta la possibilità di scrivere una tesina su un argomento da concordare.
Modalità di valutazione
  • Modalità opzionale per gli studenti frequentanti:
    3 esercitazioni scritte da svolgere a casa (valore 40%).
    Tesina scritta, su un argomento concordato con il docente, della lunghezza massima di
    5000 parole (40%).
    Breve esame orale sugli argomenti delle esercitazioni e della tesina, volto ad accertare che
    lo studente ha lavorato in autonomia, e ad offrire possibilità di replica ad eventuali rilievi
    critici (20%).
    B - obbligatoria per gli studenti non frequentanti:
    Esame orale che ha come oggetto il libro adottato, con almeno 3 domande.
    In entrambe le modalità, si vaglieranno (i) le conoscenze acquisite sulle questioni
    filosofiche (ii) l'abilità nel presentare le argomentazioni filosofiche con concisione,
    chiarezza e precisione, (iii) la competenza nell'usare i simboli logici. Questi tre aspetti
    incideranno sulla valutazione rispettivamente con queste percentuali: 50%, 25%, 25%.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

inglese

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

nessuna