Didattica delle scienze filosofiche - Mod. 3

  • A.A. 2018/2019
  • CFU 2
  • Ore 10
  • Classe di laurea LM-78
Francesco Orilia / Professore di ruolo - I fascia / Filosofia e teoria dei linguaggi (M-FIL/05)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Competenze filosofiche tipicamente maturate in un corso di laurea triennale in filosofia.

Obiettivi del corso

Attraverso l'analisi di alcuni paradigmi filosofici fondamentali, il corso di Didattica delle
Scienze filosofiche intende favorire l'acquisizione delle competenze tematiche fondamentali
finalizzate all'insegnamento della Filosofia nella Scuola secondaria superiore. Sul piano
metodologico, il corso tende a promuovere capacità di analisi e sintesi, flessibilità
cognitiva,
autonomia di progettazione e ricerca delle fonti, abilità relazionali e cooperative,
competenze
comunicative elevate. In questo modulo si imparerà a progettare un'unità didattica su un
argomento di filosofia del linguaggio in chiave interdisciplinare e con identificazione di uno
specifico contesto d'applicazione, definendo gli obiettivi formativi, le metodologie
didattiche e
le modalità di verifica.

Programma del corso

Il corso di Didattica delle Scienze filosofiche si compone di tre moduli, opportunamente
coordinati tra di loro: 1. Stili della filosofia e suoi insegnamenti - 2. Paradigmi filosofici e
modalità di insegnamento - 3. Filosofia e pluralità dei linguaggi.

È prevista la mutuazione di questo corso, con un valore di 3 CFU, da parte del Percorso formativo per il conseguimento dei 24 CFU (PF24) necessario per l'accesso al concorso nazionale, per esami e titoli, di selezione dei candidati da ammettere al percorso FIT su posti comuni e di sostegno nella scuola secondaria, sulla base delle disposizioni contenute nel Decreto legislativo del 13 aprile 2017, n. 59 e nel Decreto ministeriale del 10 agosto 2017, n. 616.
Per gli studenti del PF24 ciascun modulo ha il valore di 1 CFU e il relativo programma e la parte delle lezioni che è opportuno frequentare sono conseguentemente ridotti secondo quanto di seguito specificato.
Per tali studenti le lezioni da frequentare sono esclusivamente quelle del 27 novembre, ore 15-18 (lezioni 1-3) e 11 dicembre, ore 15-17 (lezioni 4-5).

Questo modulo è suddiviso in due parti. Nella prima parte verranno presentate le linee
essenziali del pensiero del secondo Wittgenstein, in particolare il tema delle somiglianze di
famiglia discusso nelle Ricerche Filosofiche e verrà indicato come progettare un'unità
didattica in cui si evidenziano l'utilizzazione di questa nozione nel testo di Umberto Eco, II
Fascismo eterno, e la rilevanza di questo testo per una migliore comprensione del
fascismo come fenomeno storico. Nella seconda parte, gruppi di studenti, più o meno
numerosi a seconda del numero dei frequentanti, saranno chiamati a presentare in classe
un'unità didattica su un argomento affine a quello proposto dal docente (da concordare
durante il corso).

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) L. Wittgenstein Ricerche Filosofiche Einaudi, Torino, 2009 » Pagine/Capitoli: §§ 1-71 (circa 40 pp.)
  • 2.  (A) U. Eco Il fascismo eterno La nave di Teseo, Milano, 2018 » Pagine/Capitoli: intero libro (51 pp.)
  • 3.  (C) L. Illetterati (a cura di) Insegnare filosofia. Modelli di pensiero e pratiche didattiche Utet, Torino, 2007 » Pagine/Capitoli: parte III
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Programma da 2 CFU

Gli studenti che assicurano una presenza attiva saranno saranno chiamati a presentare in classe un'unità didattica su un argomento da concordare con il docente e saranno guidati nella stesura di un breve elaborato scritto (al massimo 2000 parole, da consegnare almeno una settimana prima dell'esame), in cui si spiega come progettare un'unità didattica sull'argomento dei testi obbligatori, trattato in classe dal docente, evidenziando l'indicazione degli obiettivi formativi, delle metodologie di apprendimento e dei criteri di valutazione.

In aggiunta ai testi obbligatori gli studenti non frequentanti sono tenuti a studiare anche 2
capitoli a scelta dalla parte III del libro Modelli di pensiero e pratiche didattiche (Utet, Torino
2007), a cura di L. Illetterati (indicato tra i testi consigliati).

Programma da 1 CFU

Gli studenti che assicurano una presenza attiva saranno guidati nella stesura di un breve elaborato scritto (al massimo 2000 parole, da consegnare almeno una settimana prima dell'esame), in cui si spiega come progettare un'unità didattica sull'argomento dei testi obbligatori, trattato in classe dal docente, evidenziando l'indicazione degli obiettivi formativi, delle metodologie di apprendimento e dei criteri di valutazione.

Gli studenti non frequentanti dovranno studiare il libro di U. Eco indicato come obbligatorio e un
capitolo a scelta dalla parte III del libro Modelli di pensiero e pratiche didattiche (Utet, Torino
2007), a cura di L. Illetterati (indicato tra i testi consigliati).

Metodi didattici
  • Con alcune lezioni frontali supportate da presentazioni in powerpoint ci si assicurerà che
    l'argomento dell'unità didattica da progettare sia ben compreso dagli studenti e nello stesso
    tempo verranno indicati gli obiettivi formativi, le metodologie didattiche e i metodi di
    valutazione adeguati per l'argomento in questione. Si passerà poi ad una fase più pratica in
    cui tutti gli studenti (suddivisi in gruppi) saranno chiamati a presentare un'unità didattica. Gli
    studenti saranno poi guidati nella stesura di un elaborato scritto per favorire una migliore
    interiorizzazione delle tematiche trattate.
Modalità di valutazione
  • L'esame finale è unico, ma sono previste valutazioni parziali all'interno dei
    tre moduli, che concorreranno con percentuali uguali alla determinazione del voto
    finale. Seguono i criteri per questo modulo.

    Indicatori per la valutazione
    Organizzazione logica, capacità di sintesi e chiarezza espositiva (50%);
    Correttezza e completezza delle conoscenze acquisite (50%).

    2 CFU Frequentanti
    40%: presentazione in classe;
    40%: elaborato scritto;
    20%: discussione orale della presentazione e dell'elaborato scritto.

    2 CFU Non frequentanti
    esame orale sui testi indicati come obbligatori (70%) e su 2 capitoli a scelta dalla
    parte 3 del libro Modelli di pensiero e pratiche didattiche (30%).

    1 CFU Frequentanti
    80%: elaborato scritto;
    20%: discussione orale dell'elaborato scritto.

    1 CFU Non frequentanti
    esame orale sul testo di Eco indicato come obbligatorio (70%) e su un capitolo a scelta dalla parte 3 del libro Modelli di pensiero e pratiche didattiche (30%).
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

nessuna

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

nessuna