Lessicografia e lessicologia italiana

  • A.A. 2016/2017
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-14,15
Gianluca Frenguelli / Professore di ruolo - II fascia / Linguistica italiana (L-FIL-LET/12)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Data la natura avanzata del corso si richiede una preparazione di base sulla linguistica italiana.

Obiettivi del corso

Oltre a offrire una preparazione di base sullo studio della lessicologia italiana nelle prospettive
sincronica e diacronica, il corso si propone di fornire le basi di metodo per lo studio e l'analisi della
neologia dell'italiano contemporaneo.

Programma del corso

Gli strumenti del lessicologo: manuali, repertori, dizionari, banche dati.
La semantica: significante e significato; il campo semantico; metafora, metonimia e sineddoche; il
mutamento di significato; l'etimologia; polisemia, omonimia, sinonimia, antonimia.
Lingua e società; il repertorio linguistico; la variabilità linguistica: varietà diacroniche, diatopiche,
diafasiche, diastratiche, diamesiche; le varietà diamesiche: scritto e parlato; il concetto di standard
linguistico; le varietà diafasiche: i registri e gli stili del discorso.
Il lessico: come è composto il lessico dell'italiano.
La formazione delle parole: prefissazione, suffissazione, composizione.
Caratteri del prestito linguistico; le parole dell'inglese; le parole del tedesco e del francese; i prestiti
da altre lingue.
La neologia: come si studiano le parole nuove; dove nascono le parole nuove; tipi e caratteri della
neologia dell'italiano contemporaneo; le nuove tendenze del lessico contemporaneo; neologia e
linguaggio dei mezzi di comunicazione di massa.
Aspetti lessicografici: come si compila un repertorio di neologismi; repertori di neologismi in Italia;
esercitazioni pratiche: compilazione di un repertorio.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) G. Adamo / V. Della Valle L'Osservatorio neologico della lingua italiana: linee di tendenza nell'innovazione lessicale dell'italiano contemporaneo, in G. Adamo / V. Della Valle (a cura di ) Innovazione lessicale e terminologie specialistiche Olschki, Firenze, 2003 » Pagine/Capitoli: 83-105
  • 2.  (A) G. Adamo / V. Della Valle Che fine fanno i neologismi? A cento anni dalla pubblicazione del Dizionario moderno di Alfredo Panzini, Olschki, Firenze, 2006 » Pagine/Capitoli: 23-31 e 105-122
  • 3.  (A) M. Aprile Dalle parole ai dizionari Il Mulino, Bologna, 2008 » Pagine/Capitoli: 231
  • 4.  (A) G. Frenguelli Come si studiano le parole nuove, in M. Dardano / G. Frenguelli (a cura di), L'italiano di oggi. Fenomeni, problemi, prospettive Aracne Editrice, Roma, 2008 » Pagine/Capitoli: pp. 99-120
  • 5.  (C) M. Dardano Nuovo manualetto di linguistica italiana Zanichelli, Bologna, 2005 » Pagine/Capitoli: capp. 3, 6, 7, 9 (95 pp.)
  • 6.  (C) Valeria Della Valle Dizionari italiani: storia, tipi, struttura Carocci, Roma, 2005
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Gli studenti non frequentanti devono presentare, oltre ai quattro testi adottati, il volume "Dizionari italiani" (n. 6).
Chi avesse necessità di rivedere i concetti di base della Linguistica italiana necessari allo studio del programma d'esame, può ricorrere al "Nuovo manualetto di linguistica italiana" (n. 5), in particolare i capp. 1, 3, 6, 7, 9, 10.9.

Metodi didattici
  • Nella prima parte del corso, le lezioni verteranno sui metodi e gli strumenti della moderna
    lessicologia; successivamente, attraverso l'analisi di diversi repertori di neologismi apparsi negli
    ultimi trent'anni, si analizzeranno i vari metodi che entrano in gioco nella registrazione lessicografica
    delle parole nuove. Se il numero dei frequentanti lo permetterà, i metodi acquisiti verranno infine
    messi in pratica attraverso la compilazione di un piccolo repertorio di neologismi.
Modalità di valutazione
  • La prova d'esame, svolta in modalità orale, si svolgerà in tre parti e tenderà ad accertare:
    1) l'acquisizione dei metodi di base della lessicologia contemporanea;
    2) la conoscenza dei principali strumenti a disposizione del lessicografo;
    3) la conoscenza dei metodi e degli strumenti per lo studio della neologia.