Storia delle immagini

  • A.A. 2015/2016
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-89
Giuseppe Capriotti / Ricercatore / Storia dell'arte moderna (L-ART/02)
Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo
Prerequisiti

Conoscenza approfondita del lessico storico-artistico, con particolare attenzione a quello iconografico, acquisita nei corsi di Storia dell'Arte già seguiti alla triennale.

Obiettivi del corso

Gli obiettivi formativi del corso sono due, strettamente correlati tra di loro:
1. offrire allo studente l'esemplificazione di un metodo, ovvero fare storia attraverso le immagini, considerate fonti storiche di pari dignità rispetto ai testi.
2. educare lo studente all'analisi storica di tutte le immagini, a prescindere dal loro valore estetico, facendo propria la degerarchizzazione delle fonti, implicita nel concetto stesso di Beni culturali.
Gli studenti dovranno entrare in possesso degli strumenti necessari per leggere e decodificare le immagini per il loro valore storico.

Programma del corso

Il corso è articolato in tre parti:

1. Parte generale
Dalla storia dell'arte alla storia delle immagini
Nel corso del primo modulo si analizzeranno gli studi di alcuni storici dell'arte che hanno compiuto la svolta verso la storia delle immagini, dopo le fondamentali aperture di Aby Warburg: Hans Belting, David Freedberg, Horst Bredekamp, George Didi-Hubermann, William J. Mitchell. Il modulo prevede anche una riflessione circa l'utilità di questo nuovo approccio teorico e storico-artistico nel campo della valorizzazione del patrimonio.

2. Corso monografico
Immagini nelle visioni mistiche femminili
Nel corso del secondo modulo verrà indagata, nell'ottica della storia delle immagini, la presenza di immagini reali e mentali nella letteratura mistica femminile d'età moderna, per valutare la forza di certi modelli iconografici e la specifica capacità di alcune immagini di rimanere impresse nella mente dell'osservatore: talvolta la visione mistica arriva a produrre immagini che cambiano il corso dell'iconografia; altre volte l'esperienza mistica è basata su immagini reali note, diffuse sul territorio, che vengono riattivate dalla mente nel corso della visione.

3. Seminario
"Saturno e la melanconia": un grande classico della storia delle immagini e della cultura
La terza parte del corso sarà organizzata come un seminario, nel corso del quale verrà chiesto allo studente di relazionare su un grande classico della storia delle immagini e della cultura: "Saturno e la melanconia" di Klibansky, Panosfky, Saxl, nel quale vengono rielaborate e sistematizzate numerose idee e intuizioni sulla melanconia antica e moderna già elaborate da Aby Warburg.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) F. Saxl La storia delle immagini Laterza, Bari, 2000 » Pagine/Capitoli: (due capitoli a scelta dello studente)
  • 2.  (A) C. Frugoni La voce delle immagini. Pillole iconografiche dal Medioevo Einaudi, Torino, 2010 » Pagine/Capitoli: (dua capitoli a scelta dello studente)
  • 3.  (A) C. Frugoni C. Frugoni, Le mistiche, le visioni e l'iconografia: rapporti ed influssi, in Temi e problemi nella mistica femminile trecentesca Centro di studi sulla spiritualità medievale, Todi, 1983 » Pagine/Capitoli: pp. 5-45.
  • 4.  (A) G. Capriotti Visions, mental images, real pictures. The mystical experience and the artistic patronage of Sister Battista da Varano, in "Ikon", 6. Center for Iconographic Studies, Rijeka, 2013 » Pagine/Capitoli: pp. 213-224
  • 5.  (A) G. Capriotti Un corpo infetto di immagini e suoni. Lamentazioni rituali, statue urlanti e visioni uditive nel Rinascimento, in Ascoltare gli Dèi / Divos Audire. Costruzione e Percezione della Dimensione Sonora nelle Religioni del Mediterraneo Antico Quasar, Roma, in stampa, 2015
  • 6.  (A) R. Klibansky, E. Panofsky, F. Saxl Saturno e la melanconia Einaudi, Torino, 1983 » Pagine/Capitoli: parti scelte
Metodi didattici
  • - Lezioni frontali (con discussione critica partecipata degli argomenti proposti)
    - Laboratorio seminariale (con la partecipazione attiva degli studenti, cui verrà richiesto di relazionare su alcuni temi proposti)
    - Viaggi di istruzione (finalizzati alla visita di alcuni monumenti)
Modalità di valutazione
  • La prova di accertamento è orale e consisterà orientativamente in non meno di tre domande, tese ad accertare le conoscenze teoriche e pratiche, generali e particolari, acquisite dallo studente.
    Le competenze maturate verranno verificate invece attraverso la richiesta di analisi di immagini e testi critici.