Iconografia e iconologia - Mod.b

  • A.A. 2019/2020
  • CFU 3, 3(m)
  • Ore 15, 15(m)
  • Classe di laurea LM-84, LM-14,15(m)
Giuseppe Capriotti / Ricercatore / Storia dell'arte moderna (L-ART/02)
Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo
Prerequisiti

Conoscenza approfondita del lessico storico-artistico, con particolare attenzione a quello iconografico, acquisita nei corsi di Storia dell'Arte già seguiti alla triennale.

Obiettivi del corso

L'obiettivo del corso è offrire allo studente l'esemplificazione di un metodo, ovvero fare storia della cultura attraverso le immagini, considerate fonti storiche di pari dignità rispetto ai testi. Gli studenti dovranno entrare in possesso degli strumenti necessari per leggere e decodificare le immagini per il loro valore storico.

Programma del corso

Iconografia cristiana e conflitti religiosi: l'Adriatico, il Mediterraneo e i Turchi tra XVI e XVIII secolo

Tra la fine del XV secolo e l'inizio del XVI secolo i Turchi prendono progressivamente il posto tradizionalmente assegnato agli ebrei in immagini che raffigurano scene della Passione. Successivamente, soprattutto a seguito della battaglia di Lepanto, l'icona del Turco, spesso raffigurato come schiavo, viene utilizzata per celebrare le vittorie della Cristianità sull'Islam. Nel corso verranno analizzate immagini che documentano queste dinamiche conflittuali nell'Adriatico e nel Mediterraneo tra XVI e XVIII secolo, con esempi che provengono dallo Stato Pontificio, dalla Serenissima Repubblica di Venezia, dal Regno di Napoli e da Malta.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) G. Capriotti Dalla minaccia ebraica allo schiavo turco. L'immagine dell'alterità religiosa in area adriatica tra XV e XVIII secolo Publicacions de la Universitat de València, València, 2016 » Pagine/Capitoli: pp. 357-373
  • 2.  (A) G. Capriotti Il pericolo turco nella committenza dei cavalieri di Malta nel XVII secolo: Caravaggio e Mattia Preti Electa, Milano, 2009 » Pagine/Capitoli: pp. 133-141
  • 3.  (A) F. Sorce Il drago come immagine del nemico turco nella rappresentazione di età moderna in "Rivista dell'Istituto Nazionale d'Archeologia e Storia dell'Arte", 62-63, III serie, anno XXX-XXXI (2007-2008), 2013, Roma, 2013 » Pagine/Capitoli: pp. 173-198
  • 4.  (A) I. Capeta Rakic Distinctive features attributed to an infidel. The political propaganda, religious enemies and the iconography of visual narratives in the Renaissance Venice in "Il capitale culturale. Studies on the Value of Cultural Heritage", 06 (2017) , Macerata, 2017 » Pagine/Capitoli: pp. 107-134
Metodi didattici
  • Il corso sarà strutturato in lezioni frontali e visite didattiche ai monumenti analizzati nelle lezioni. In particolare le lezioni consisteranno in: analisi e discussione di immagini proiettate in diapositive; analisi e discussione di testi critici, forniti su supporto cartaceo o digitale.
Modalità di valutazione
  • La prova di accertamento è orale e consisterà orientativamente in non meno di tre domande, tese ad accertare le conoscenze teoriche e pratiche, generali e particolari, acquisite dallo studente.
    Le competenze maturate verranno verificate invece attraverso la richiesta di analisi di immagini e commento di testi.
    La valutazione complessiva sarà ottenuta dall'analisi dei seguenti
    indicatori:
    . correttezza e proprietà nell'uso del linguaggio (fino a 10/30) . correttezza e completezza delle conoscenze (fino a 10/30) . capacità di elaborazione critica e di applicazione delle conoscenze (fino a 10/30)