Storia dell'arte medievale

  • Storia dell'arte medioevale Classe: L-11
  • A.A. 2019/2020
  • CFU 9, 6(m)
  • Ore 45, 30(m)
  • Classe di laurea L-10, L-11(m)
Graziano Alfredo Vergani / Professore di ruolo - II fascia / Storia dell'arte medievale (L-ART/01)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Oltre a possedere una conoscenza di base della terminologia storico-artistica, sarebbero auspicabile che gli studenti avessero seguito le lezioni o sostenuto un esame di Storia Medievale.

Obiettivi del corso

A - Fornire una conoscenza di base dei fenomeni artistici nel Medioevo e una corretta strumentazione metodologica per valutarne gli aspetti formali, storici e culturali.
B - Approfondire i caratteri della pittura gotica in Italia attraverso la conoscenza e lo studio di un'opera cardine del Trecento, analizzata nei suoi aspetti formali, storici, politici, religiosi e culturali.
C - Risultati di apprendimento attesi: una buona capacità di identificare i più svariati manufatti artistici medievali nei loro aspetti cronologici, tecnici, formali, iconografici ed iconologici e di saperli comunicare con proprietà.

Programma del corso

Parte prima (30 ore, CFU 6) - Istituzioni di storia dell'arte medievale.
Attraverso l'analisi delle diverse categorie di manufatti (architettura, scultura, pittura, arti applicate), si traccerà un quadro panoramico dello svolgimento dell'arte in Europa (con particolare attenzione all'Italia) tra il IV e il XIV secolo, illustrando le peculiari e mutevoli relazioni che intercorrono tra gli aspetti formali, le funzioni e i contenuti dei manufatti artistici. Per il Due e il Trecento, un'attenzione speciale sarà dedicata a una sintetica ma efficace delineazione delle personalità dei principali artisti attivi in Italia.
Temi principali:
a) L'arte tardoantica e paleocristiana (IV-VI sec)
b) L'arte barbarica in Italia: Goti e Longobardi (V-VIII sec)
c) Le rinascenze carolingia e ottoniana (IX-X sec)
d) L'arte romanica (X-XII sec)
e) L'arte gotica (XII-XIV sec)
f) La scultura gotica in Italia (XIII-XIV secolo)
g) La pittura bizantineggiante in Italia (XIII secolo)
h) La rivoluzione pittorica di Giotto e i giotteschi
i) La pittura a Roma tra la fine del Duecento e l'inizio del Trecento
l) La pittura a Siena nel Trecento
m) Trame e percorsi dell'arte in Italia nel XIV secolo

Parte seconda (15 ore, CFU 3) - Corso monografico.
Simone Martini: la Maestà del Palazzo Pubblico di Siena.
Riconoscibile forse come il più originale pittore italiano del Trecento, per il suo linguaggio aperta sia alle componenti giottesche che a quelle del gotico transalpino, Simone Martini ha siglato nel 1315 quello che è considerato il suo primo capolavoro, il grande tabellone murale della Maestà nella Sala del Mappamondo del Palazzo Pubblico di Siena. Sottoposto negli anni '90 del XX secolo a un lungo e accurato restauro che lo ha riportato a una piena leggibilità, il dipinto rappresenta un testo paradigmatico per cogliere i percorsi del linguaggio figurativo gotico nella penisola e per capire le sottili relazioni presenti tra pittura, politica, religione e società nell'arte italiana del XIV secolo.


Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) P. DE VECCHI e E. CERCHIARI Arte nel tempo, vol. 1, tomi I e II Bompiani, Milano, 1995 » Pagine/Capitoli: pp. 240-651
  • 2.  (A) A. BAGNOLI La Maestà di Simone Martini Silvana editoriale, Cinisello Balsamo, 1999 » Pagine/Capitoli: 17-95
  • 3.  (A) M. PIERINI Simone Martini Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, 2000 » Pagine/Capitoli: 22-191
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Nel corso delle lezioni verranno proiettate delle immagini, che saranno poi messe a disposizione degli studenti su supporto informatico.

Programma da 6 CFU per studenti frequentanti: testo n. 1 della lista
Programma da 9 CFU per studenti frequentanti: testi n. 1 e n. 2 della lista
Programma da 6 CFU per studenti non frequantanti: testi n. 1 e n. 3 della lista
Programma da 9 CFU per studenti non frequentanti: testi nn. 1, 2, 3 della lista

Metodi didattici
  • Lezioni frontali dialogate, con l'ausilio di materiali scritti, audio e video.
    Analisi di studi di caso.
Modalità di valutazione
  • La prova di accertamento è orale. Si articolerà in una serie di domande tese ad accertare il livello di conoscenza da parte dello studente dei contenuti presentati a lezione, in particolare la sua padronanza della terminologia tecnica di settore, la sua capacità di lettura formale, iconografica e storica dei manufatti (con particolare attenzione a quelli illustrati nella parte monografica del corso), la sua conoscenza dei principali eventi e protagonisti dell'arte italiana ed europea dal IV al XIV secolo.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

inglese