Istituzioni di letteratura italiana

  • Letteratura italiana Classe: L-11, LM-37
  • Letteratura italiana - corso avanzato Classe: LM-37
  • A.A. 2019/2020
  • CFU 9, 9(m)
  • Ore 45, 45(m)
  • Classe di laurea L-10, L-11(m), LM-37(m)
Laura Melosi / Professoressa di ruolo - I fascia / Letteratura italiana (L-FIL-LET/10)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Buona formazione scolastica.

Obiettivi del corso

Il corso intende orientare fra i molteplici aspetti del testo letterario (storici, filologici, esegetici) nella lunga durata della tradizione italiana. È finalizzato alla piena conoscenza del quadro generale di riferimento e alla capacità di collocazione cronologica di autori, opere, generi e problemi. Il lavoro sui testi intende sviluppare le competenze esegetiche dello studente riguardo a testi in prosa e in versi, le sue abilità interpretative e la riflessione critica sul fenomeno letterario.

Programma del corso

Sullo sfondo del quadro storico-letterario d'insieme, dalle Origini al primo Ottocento, si approfondiscono alcuni momenti, autori e opere di particolare rilievo. Lo studio deve consentire il riconoscimento e la qualificazione dei movimenti letterari nazionali, insieme con la collocazione degli autori maggiori e delle loro opere più rappresentative nella tradizione italiana.

INTEGRAZIONI PER NON FREQUENTANTI
Gli studenti sono tenuti a procurarsi i materiali disponibili nel sito web della docente e tutti i saggi che compongono la Bibliografia del corso, oltre al manuale.
Il programma va completato con G. Zaccaria-C. Benussi, Per studiare la letteratura italiana. Strumenti e metodi, Milano, Bruno Mondadori Editore, 2005, pp. 208.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) S. Carrai Introduzione a D. Alighieri, La Vita Nova Rizzoli BUR, Milano, 2009 » Pagine/Capitoli: 5-23
  • 2.  (A) P. Vecchi Galli Introduzione a F. Petrarca, Canzoniere Rizzoli BUR, Milano, 2012 » Pagine/Capitoli: 7-58
  • 3.  (A) L. Surdich Il «Decameron», in Id., Boccaccio il Mulino, Bologna, 2008 » Pagine/Capitoli: 55-105
  • 4.  (A) R. Ruggiero Introduzione a N. Machiavelli, Il Principe Rizzoli BUR, Milano, 2008 » Pagine/Capitoli: 5-31
  • 5.  (A) M. Palumbo «Ultime lettere di Jacopo Ortis»: le origini del romanzo italiano moderno, in Id., Foscolo il Mulino, Bologna, 2010 » Pagine/Capitoli: 37-60
  • 6.  (A) L. Melosi Introduzione a G. Leopardi, Operette morali Rizzoli BUR, Milano, 2008 » Pagine/Capitoli: 5-21
  • 7.  (C) C. Vecce Piccola storia della letteratura italiana: parte I, Il Medioevo; parte II, Il Rinascimento; parte III, L'età moderna Liguori, Napoli, 2009 » Pagine/Capitoli: 3-359
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

L'adozione di un manuale di storia della letteratura italiana diverso da quello consigliato è facoltativa. Il periodo da studiare va dalle Origini all'Unità d'Italia.
I testi letti durante le lezioni sono a disposizione degli studenti nella pagina web della docente fra i materiali didattici del corso.

Metodi didattici
  • Nelle lezioni frontali si procede alla lettura dei testi selezionati, con spiegazioni letterali e commento retorico e stilistico delle pagine d'autore, anche con il ricorso a risorse audiovisive e digitali per l'illustrazione dei contesti culturali o di specifici aspetti testuali. Gli studenti sono sollecitati alla partecipazione attiva e invitati alla lettura individuale pubblica.
Modalità di valutazione
  • L'esame prevede: a) prova intermedia scritta al termine delle lezioni, con domande a risposta aperta sui testi affrontati in aula; b) colloquio sui testi indicati nella bibliografia del corso (studi e manuale di letteratura italiana), con domande volte ad accertare: 1. correttezza delle informazioni al fine valutare la conoscenza del quadro generale di riferimento; 2. modalità espressive al fine di valutare le competenze linguistiche; 3. argomentazione al fine di valutare l'abilità retorico-espositiva; 4. competenze esegetiche al fine di valutare il livello scientifico-disciplinare raggiunto. Per gli studenti non frequentanti l'esame prevede il colloquio orale sull'intero programma (testi, studi e manuale), secondo le modalità di valutazione sopra indicate ai punti 1-4.