Livia Di Cola

Livia Di Cola

Ricercatore / Diritto processuale civile (IUS/15)
  • Tel. interno (+39) 0733 258 2606
  • E-mail livia.di_cola@libero.it
  • E-mail livia.dicola@unimc.it
  • Fax 07332582687
Dipartimento di Giurisprudenza
 

Mi sono laureata nella seconda Università di Roma Tor Vergata e ho conseguito il titolo di dottore di ricerca in diritto processuale civile nella prima Università di Roma "La Sapienza".

Dal 2006 sono ricercatore in diritto processuale civile presso l'Università degli Studi di Macerata.

Ho svolto diversi periodi di studio, ricerca ed insegnamento all'estero, sia durante il dottorato di ricerca che dopo (l'Università di Bielefeld e la Law School of Leicester).

Sono titolare degli insegnamenti di "Diritto delle procedure concorsuali" e "Diritto processuale civile" presso l'università di Macerata.

Sono autrice di diverse pubblicazioni soprattutto sui temi dei procedimenti camerali, cautelari ed altri speciali.

Info
Impossibile contattare uGov al momento. Per favore riprovare più tardi
  • IUS/01 - Diritto privato
  • IUS/02 - Diritto privato comparato
  • IUS/04 - Diritto commerciale
  • IUS/07 - Diritto del lavoro
  • IUS/08 - Diritto costituzionale
  • IUS/09 - Istituzioni di diritto pubblico
  • IUS/13 - Diritto internazionale
  • IUS/14 - Diritto dell'Unione Europea
Breve descrizione Settore ERC Parole chiave
Il mio interesse scientifico si estende a tutti i settori di studio che sono coinvolti nella tutela dei diritti fondamentali dell'uomo, inteso come essere umano e cittadino del mondo. SH2_2: Ageing, work, social policies, welfare Tutela dei diritti, diritti fondamentali, diritti soggettivi, giusto processo, processo ordinario, procedimenti speciali, ordinamento giuridico nazionale e sovranazionale
Lingua Conoscenza
Tedesco Buono
Inglese Eccellente
Aree: Europa, Italia
Paesi: Italia, Germania, Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Francia, Spagna, Austria
Titolo The Europeanization of Private International Law of Succession
Settore ERC SH2_2: Ageing, work, social policies, welfare
Abstract la ricerca riguarda il regolamento UE 650/2012 che sarà applicabile negli Stati membri dell’Unione europea, con l’eccezione di Danimarca, Irlanda e Regno Unito, a partire dal 17 agosto 2015.
Si tratta di un testo ampio e complesso, che conta 83 considerando e 84 articoli, e regola tutti gli aspetti internazionalprivatistici di una successione: la competenza, la legge applicabile, la circolazione delle decisioni giudiziarie e degli atti pubblici. Dopo aver precisato il campo di applicazione del regolamento, lo studio analizza le norme sulla legge applicabile, per quanto riguarda sia il collegamento oggettivo che la professio juris, nonché la speciale disciplina dedicata ai patti successori, la questione della legge regolatrice della forma delle disposizioni testamentarie, il rinvio e i limiti all’applicazione della legge richiamata. Vengono poi esaminate le norme sulla competenza, che sostituiscono completamente le corrispondenti norme interne degli Stati membri ed includono capi di competenza sussidiaria e la previsione di un forum necessitatis, e quelle sul riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni, degli atti pubblici e delle transazioni giudiziarie. Infine, la ricerca si occupa del certificato successorio europeo, il nuovo atto pubblico creato dal regolamento e destinato ad avere effetti in tutti gli Stati membri partecipanti.
Parole chiave Diritto internazionale privato, successioni, Unione europea, conflitto di leggi, giurisdizione, patti successori, legge applicabile, riconoscimento delle decisioni, certificato successorio europeo
Gruppo di lavoro Unità centrale presso "La Sapienza" di Roma diretta dal prof. A Davì, Unità presso l'Università di Macerata diretta dal prof. E. Calzolaio, Altri membri dell'Unità di Macerata:, prof. G. Contaldi, prof. F. Marongiu Buonaiuti, dott. L. Di Cola, dott. L. Vagni
Titolo Il titolo esecutivo europeo
Settore ERC SH1_2: Development, economic growth
Abstract L'unità di ricerca alla quale ho partecipato, l'unità locale di Macerata diretta dal prof. A. Carratta, ha focalizzato i suoi studi sul decreto ingiuntivo europeo, un nuovo procedimento sommario comune a tutti gli stati dell'U.E. il cui scopo è quello di fornire un titolo valido ed efficace in tutto l'ordinamento giuridico europeo. I risultati dello studio sono confluiti in un libro AA.VV., Verso il decreto ingiuntivo europeo, 2007, diretto dal prof. Carratta.
Parole chiave Giusto processo civile, procedimenti sommari, titolo esecutivo europeo, ingiunzione di pagamento europea
Gruppo di lavoro prof. A. Carratta, prof. M. De Cristofaro, dott.ssa L. Di Cola, dott. G. Bonato, dott. F. Fradeani, dott. G. Porcelli
Titolo Canoni europei per la legilsazione processuale e procedimenti di tutela sommaria
Settore ERC SH2_2: Ageing, work, social policies, welfare
Abstract L'unità di ricerca alla quale ho partecipato, l'unità locale di Macerata diretta dal prof. A. Carratta, ha condotto uno studio sugli strumenti di tutela sommaria presenti nei maggiori ordinamenti giuridici dell'Unione Europea. I risultati dello studio sono confluiti in un libro AA.VV., Tutela sommaria in Europa - Studi, 2012, diretto dal prof. Carratta.
Parole chiave Tutela ordinaria, tutela sommaria, giusto processo
Gruppo di lavoro prof. A. Carratta, dott.ssa L. Di Cola, dott. G. Bonato, dott. F. Fradeani, dott. F. Cossignani
Info
Impossibile contattare uGov al momento. Per favore riprovare più tardi
Info
Impossibile contattare uGov al momento. Per favore riprovare più tardi