Filologia greca

  • A.A. 2018/2019
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-14,15
Maria Fernanda Ferrini / Professoressa di ruolo - II fascia / Lingua e letteratura greca (L-FIL-LET/02)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Buona conoscenza della lingua greca

Obiettivi del corso

Approfondimento delle conoscenze linguistiche. Acquisizione di specifiche capacità di
analisi filologica, e di un maturo metodo di studio e di indagine, attraverso la
puntuale esegesi del testo, nella complessità dei suoi aspetti.

Programma del corso

Tecnica drammatica nella Medea di Euripide: il prologo e la parodo, lo spazio scenico
e extrascenico, i monologhi, i personaggi maschili, la scena finale.
Consapevolezza e azione dei personaggi tragici nella Poetica di Aristotele.
La tradizione manoscritta delle tragedie di Euripide.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) H. Van Looy Euripides. Medea Teubner, Stutgardiae/Lipsiae , 1992
  • 2.  (A) R. Kassel Aristotelis De arte poetica liber Clarendon, Oxonii , 1991
Metodi didattici
  • Lezioni frontali dialogate, basate sulla lettura e sul commento dei testi greci oggetto
    del corso.
Modalità di valutazione
  • La prova orale è strutturata in modo da verificare la conoscenza della lingua greca, la
    capacità di comprendere e di analizzare i testi greci, oggetto del corso, dal punto di
    vista linguistico e filologico. Lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito un
    corretto metodo di studio. Il voto sarà assegnato sulla base di questi criteri:
    conoscenza della lingua greca e capacità di esegesi (50%); proprietà di linguaggio e
    maturità dell'esposizione (50%).