Informazioni
» Vai all'elenco delle AULE TEAMS dei docenti

Filologia patristica

  • A.A. 2019/2020
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-14,15
Maria Grazia Moroni / Professoressa di ruolo - II fascia / Letteratura cristiana antica (L-FIL-LET/06)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Conoscenza della lingua latina.

Obiettivi del corso

Il corso intende fornire un approccio concreto alle problematiche relative alla trasmissione ed edizione di un testo antico; favorire l'acquisizione di una metodologia per la costituzione di un testo critico e degli strumenti necessari per l'analisi di uno scritto poetico cristiano; sviluppare la capacità di autonoma lettura di testi cristiani antichi e della relativa bibliografia.

Programma del corso

Il De ave phoenice attribuito a Lattanzio.
Al centro di un ampio e articolato dibattito relativo alla paternità e alla sua interpretazione, il carme De ave phoenice, dedicato, come recita il titolo, al fortunatissimo mito della fenice, è ancora privo di una soddisfacente edizione critica.
Il corso intende guidare gli studenti ad un confronto diretto con i vari problemi filologici, ecdotici ed esegetici offerti da questo testo di età tardoantica.



Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) G.M. Vian Bibliotheca divina. Filologia e storia dei testi cristiani Carocci, Roma, 2001 » Pagine/Capitoli: 15-281
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Fotocopie con i testi presi in esame saranno distribuite durante le lezioni.

Gli studenti non frequentanti concorderanno personalmente con la docente un programma alternativo.

Metodi didattici
  • Lezione frontale dialogata; attività seminariale.
Modalità di valutazione
  • Prova orale. Il colloquio prevede: a) domande sulla storia della filologia patristica
    (periodi e autori più significativi) e sugli argomenti affrontati durante le lezioni;
    b) traduzione e commento del testo trattato lezione.
    Il voto sarà assegnato sulla base dei seguenti criteri: conoscenza dei contenuti della
    disciplina; capacità critica e di organizzazione logica del discorso; correttezza
    espositiva.