Banca, credito, assicurazioni - Banca, credito, assicurazioni - mod. a

  • A.A. 2019/2020
  • CFU 6
  • Ore 40
  • Classe di laurea L-18
Massimo Biasin / Professore di ruolo - I fascia / Economia degli intermediari finanziari (SECS-P/11)
Dipartimento di Economia e Diritto
Prerequisiti

Conoscenza dei concetti base di economia dell'intermediazione finanziaria. Frequenza del corso di Economia e strumenti degli intermediari finanziari e di Matematica finanziaria.
Collegamenti con altri insegnamenti: Gestione dei rischi (magistrale). Analisi degli investimenti (magistrale).

Obiettivi del corso

Al termine del mod. A del corso avrà una capacità di comprensione e analisi sistematica dei seguenti temi/argomenti relativamente agli intermediari bancari (idem per gli intermediari assicurativi nel mod. B):
(i) inquadramento organico della natura e delle principali aree di attività delle banche alla luce del contesto regolamentare e di mercato;
(ii) politiche di raccolta e impiego, con particolare riferimento al portafoglio crediti e al relativo rischio di credito, in un'ottica gestionale;
(iii) gestione della liquidità nonché politiche di asset-liability management in un contesto di complessivo governo dei rischi dell'intermediario e della correlata gestione del capitale.
L'analisi dell'operatività è proposta alla luce del quadro di vigilanza prudenziale nonchè dei dati di sistema e di bilancio. Il corso intende proporre una discussione critica dei temi bancari di attualità. Il corso è integrato da seminari di relatori ospiti.

Programma del corso

Argomenti trattati:
1. natura della banca e modelli di intermediazione;
2. funzioni, attività e rischi dell'attività bancaria. Il sistema di governance e dei controlli interni;
3. ragioni e lineamenti dell'architettura della regolamentazione bancaria; Single Supervisory Mechanism (SSM) e safety net;
4. rappresentazione in bilancio dell'attività bancaria ex IFRS;
5. portofoglio crediti e rischio di credito;
6. raccolta;
7. elementi di gestione della liquidità;
8. elementi di gestione integrata dell'attivo e del passivo;
9. ruolo dei fondi propri e principi di gestione del capitale alla luce delle previsioni di vigilanza prudenziale;

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Biasin M., Cosma S., Oriani M. La banca. Istituzione e impresa. Isedi, Torino, 2013 » Pagine/Capitoli: I capitoli di riferimento verranno indicati dal docente con avviso nella pagina web del corso.
  • 2.  (C) Greenbaum S., Thakor A., Boot A. Contemporary Financial Intermediation Elsevier, London, 2015
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Materiale di documentazione distribuito dal docente e reso disponibile presso il Dipartimento.
La bibliografia indicata potrà altresì essere integrata con ulteriori letture indicate a lezione. La bibliografia di dettaglio (capitoli) nonchè sue eventuali variazioni verranno indicate nella pagina web del corso.
Il materiale didattico utilizzato sarà reso disponibile on-line per tutti gli studenti nella pagina web del docente (area "Didattica").
Le lezioni sono intese a illustrare e approfondire gli aspetti fondamentali dei vari temi al fine di una migliore comprensione della materia. Gli studenti sono tuttavia tenuti a studiare per intero i testi obbligatori che saranno materia di esame.

Metodi didattici
  • Lezioni in aula integrate con case-studies ed eventuali home assignments intesi a esemplificare l'applicazione operativa dei concetti teorici. Seminari di relatori ospiti.

    Il materiale didattico utilizzato a lezione è reso disponibile nella pagina web del docente [http://docenti.unimc.it/massimo.biasin], area "Didattica". Gli studenti sono invitati a prendere periodicamente visione di detta pagina web in cui sono altresì pubblicati il materiale didattico di supporto nonché informazioni e comunicazioni relative al corso.

    Le lezioni sono intese a illustrare e approfondire gli aspetti fondamentali dei vari temi al fine di una migliore comprensione della materia.
    Gli studenti sono tuttavia tenuti a studiare per intero i testi obbligatori che saranno materia di esame.
Modalità di valutazione
  • Esame scritto. Esso è inteso ad accertare la preparazione teorica acquisita dallo studente, relativamente al contenuto del programma del corso, sulla base della bibliografia di riferimento specificata e resa nota dal docente.
    L'esame scritto si compone di norma di 5 domande aperte di cui 1 risposta a scelta dello studente tra 2 domande alternative (quindi lo studente deve rispondere a 4 domande "fisse" e a 2 domande alternative tra cui lo studente esprime la propria preferenza di risposta) funzionali a verifica la comprensione da parte dello studente dei concetti teorici e degli elementi fondamentali del programma del corso.
    Per gli studenti frequentanti, la valutazione finale potrà altresì considerare la partecipazione agli home assignments e case-studies.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

Inglese