Diritto commerciale e diritto bancario - D.comm (mod. b)

  • A.A. 2015/2016
  • CFU 3
  • Ore 20
  • Classe di laurea L-18
Maurizio Sciuto / Professore di ruolo - I fascia / Diritto commerciale (IUS/04)
Dipartimento di Economia e Diritto
Prerequisiti

Un'utile frequenza del corso presuppone la padronanza delle nozioni istituzionali del Diritto Privato

Obiettivi del corso

Il Corso si prefigge di addestrare lo studente all'argomentazione giuridica, applicando principi e regole del diritto commerciale a problematiche concrete, analizzate anche attraverso la risposta a quesiti formulati in termini casistici.

Programma del corso

1) Il diritto commerciale come campo d'esperienza e come materia di insegnamento.
2) L'impresa: nozione
3) Categorie di imprenditori
4) Lo statuto dell'imprenditore commerciale
5) L'azienda.
6) I segni distintivi.
7) I consorzi e le altre forme di cooperazione inter-imprenditoriale.
8) Il diritto della concorrenza.
9) I titoli di credito in generale.
10) La cambiale e l'assegno: nozioni generali.
11) La società per azioni

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Aa. Vv. (a cura di M. Cian) Diritto commerciale - voll. I - II Giappichelli, Torino, 2014 » Pagine/Capitoli: Dal primo volume esclusa la parte relativa alla crisi di impresa; del volume secondo la sola parte dedicata alla s.p.a
Metodi didattici
  • Lezione frontale
    Esercitazioni scritte
Modalità di valutazione
  • Esame orale.
    Nel corso dell'esame si valuterà tanto la padronanza dei concetti centrali e degli istituti del diritto commerciale, quanto la capacità a farne applicazione pratica rispetto a quesiti formulati in termini casistici.
    Potrà tenersi conto, a richiesta dello studente, del risultato delle esercitazioni scritte (facoltative) eventualmente sostenute.