Informazioni
» Vai all'elenco delle AULE TEAMS dei docenti

Storia della filosofia moderna

  • A.A. 2017/2018
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea L-5
Omero Proietti / Professore di ruolo - II fascia / Storia della filosofia (M-FIL/06)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Buona conoscenza della filosofia moderna.

Obiettivi del corso

Grazie alla lettura e al commento di un testo cruciale del pensiero moderno (Cesare Beccaria, "Dei delitti e delle pene", 1764) il corso si propone di fornire una solida formazione di base e una matura consapevolezza critica della tradizione culturale dell'Occidente. Il solido apprendimento del testo oggetto di analisi dovrà promuovere il possesso di buone competenze logiche, una visione originale della storia del pensiero moderno, nonché la conoscenza delle principali tecniche argomentative e dimostrative. La storia della diffusione del testo, dalla Francia di Voltaire agli Stati Uniti di Thomas Jefferson, consentirà allo studente di muoversi facilmente in contesti diversificati, anche dal punto di vista linguistico o culturale.

Programma del corso

Cesare Beccaria e le idee dell'illuminismo italiano.
Lettura e commento del "Dei delitti e delle pene".




Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Cesare Beccaria Dei delitti e delle pene, a cura di Franco Venturi Einaudi, Torino, 2007 » Pagine/Capitoli: per complessive 300pp
  • 2.  (C) Franco Venturi Settecento riformatore I. Da Muratori a Beccaria Einaudi, Torino, 2015 » Pagine/Capitoli: per complessive 100pp
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Nel caso di studenti non frequentanti, è obbligatorio il testo consigliato.

Metodi didattici
  • Lezioni frontali dialogate.
Modalità di valutazione
  • La prova di accertamento è orale. Prevede una serie di domande, di difficoltà crescente, tese ad accertare la perfetta conoscenza del programma svolto.
    Al termine delle domande, lo studente dovrà discutere e commentare un ampio brano dell'opera, e dimostrare il possesso di adeguate capacità logico-argomentative.
    Il voto verrà assegnato valutando la comprensione dei concetti fondamentali (50%), la capacità di esporli in un linguaggio chiaro, corretto e articolato (25%), l'acquisizione di una adeguata prospettiva storico-critica (25%).
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

Nessuna.

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

Nessuna.