Didattica per le disabilita' sensoriali - Scuola primaria

  • A.A. 2016/2017
  • CFU 1
  • Ore 20
Patrizia Ninassi / Professoressa a contratto
Prerequisiti

Il docente specializzato deve avere una formazione multidisciplinare nella quale prevalga
il processo empatico, nel quale il "suo sapere" possa essere riciclato secondo i bisogni
percettivi dell'alunno.

Obiettivi del corso

Conoscenza della specificità dei processi di apprendimento dell'alunno sordo o
audioleso. Il docente specializzato dovrà riconoscere le sue potenzialità psico-cognitive
dell'alunno perché emerga la sua professionalità. La disabilità dell'udito non impedisce di
accedere a qualsiasi scibile.

Programma del corso

-Excursus sulla terminologia. Di chi parliamo?
-Storia dell'educazione dei sordi suddivisa in vari settori.
-Le metodologie e gli accorgimenti didattici.
-Come insegnare la lingua scritta al sordo.
-Il metodo orale.
-Il metodo mimico-gestuale e/o epeano.
-Il metodo misto.
-Il metodo audio-psico-fonologico.
-Il metodo bimodale.
-Excursus sulla memoria visiva: come presentare gli argomenti.
-La proposta secondo Furth per arricchire la cognitività.
-Il sostegno dei processi visuo-manuali per la comprensione del contenuto.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Pigliacampo Renato Parole nel movimento. Psicolinguistica del sordo. Armando, Roma, 2007
  • 2.  (A) Pigliacampo Renato Nuovo Dizionario della disabilità, dell'handicap e della riabilitazione Armando, Roma, 2009 » Pagine/Capitoli: alcune parti
Metodi didattici
  • Lezione frontale, esercitazioni, gruppi di lavoro.
Modalità di valutazione
  • Somministrazione di un questionario e, a campione, domande orali.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

LIS e ISE

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

LIS

  Torna alla scheda
  Materiali didattici