Psicologia dello sviluppo

  • A.A. 2018/2019
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea L-5
Paola Nicolini / Professoressa di ruolo - II fascia / Psicologia dello sviluppo e psicologia dell'educazione (M-PSI/04)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Conoscenze di base di Psicologia generale

Obiettivi del corso

Fornire una panoramica dei diversi modelli di sviluppo adottati nei principali orientamenti teorici della disciplina; presentare le principali linee evolutive per quanto riguarda i processi di percezione, pensiero, linguaggio, socializzazione e affettività, con particolare attenzione al tema dell'intelligenza. Un focus sarà dedicato il ruolo dell'ambiente nello sviluppo umano.

Programma del corso

Il corso si propone di fornire in primo luogo una panoramica dei diversi modelli di sviluppo adottati nei principali orientamenti teorici della disciplina.
In secondo luogo, nel quadro di una visione multi-causale e multi-fattoriale della crescita umana, si intende presentare le principali linee evolutive per quanto riguarda i processi di percezione, pensiero, linguaggio, socializzazione e affettività, con particolare attenzione al tema dell'intelligenza e al ruolo dei contesti nello sviluppo umano.

La psicologia dello sviluppo: aspetti cognitivi, affettivi e sociali
. Lineamenti storici e principali concezioni teoriche
. I metodi
. I problemi e le questioni aperte
. Le teorie sull'intelligenza e le principali ricadute sulla vita sociale
. Il ruolo dell'ambiente nella crescita umana (modulo interdisciplinare in collaborazione con l'insegnamento di Filosofia dell'abitare).

In particolare, per quanto riguarda l'ultimo argomento, si intende avviare un momento di riflessione e di ricerca attiva che parta dallo studio degli ambienti atti a supportare la crescita umana in diverse fasi, con particolare riferimento al ciclo di vita. A tal proposito sarà avviata un'indagine che connetta i principali modelli di mente sia ai più diffusi modelli di educazione e di interazione insegnamento-apprendimento, sia a quelli più di recente emergenti nel panorama nazionale e internazionale.
Lo scopo ultimo è quello di identificare le caratteristiche che rendono un ambiente educativo e volto allo sviluppo del ben-essere, effettuando altresì una ricognizione sul campo che favorisca una partecipazione attiva e una vera e propria attività di ricerca da parte degli studenti.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Ada Fonzi Manuale di psicologia dello sviluppo Giunti, Firenze, 2000 » Pagine/Capitoli: Prima parte. Storia, teorie e metodi della psicologia dello sviluppo - La storia. I nodi teorici attuali. Metodi e strumenti
  • 2.  (A) Patrizia Patrizi La giustizia riparativa Psicologia e diritto per il benessere di persone e comunità Carocci, Roma, 2019 » Pagine/Capitoli: saranno indicati all'inizio delle lezioni
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Appunti dalle lezioni, video, presentazione di buone pratiche, incontri con esperti e con gli autori dei testi.
Il programma per i non frequentanti prevede lo studio dei 3 testi come specificato.
Il programma per i frequentanti prevede lo studio del Manuale e lavori di gruppi sui due testi aggiuntivi.

Metodi didattici
  • Lezioni partecipate, presentazione e discussione di casi e buone pratiche, lavoro in piccolo gruppo, costruzione di strumenti di rilevazione, raccolta e analisi di dati, produzione di schede di sintesi
Modalità di valutazione
  • Per i frequentanti, saranno adottati momenti di valutazione sia in itinere sia conclusivi:
    - il lavoro di gruppo sarà valutato sia dando l'opportunità di presentazioni in aula al resto della classe, sia attraverso la redazione di report scritti dell'attività effettuata
    - la rilevazione e catalogazione degli ambienti sarà valutata attraverso la produzione di schede e report scritti
    - il colloquio orale.
    Per i non frequentanti:
    - il colloquio orale.
    La valutazione avrà come criteri di riferimento: la conoscenza dei principali concetti teorici presenti nei testi e illustrati nelle lezioni, l'adeguatezza del linguaggio tecnico connesso alle diverse prospettive teoriche, il riferimento ai più importanti esponenti degli approcci teorici, la capacità di fare collegamenti tra diverse concezioni teoriche, l'esposizione di posizioni critiche rispetto alle diverse concezioni teoriche sullo sviluppo umano.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

inglese, spagnolo

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

inglese, spagnolo