Informazioni
» Vai all'elenco delle AULE TEAMS dei docenti

Estetica moderna e contemporanea

  • A.A. 2016/2017
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-78
Paolo Godani / Ricercatore / Estetica (M-FIL/04)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Conoscenza manualistica della storia della filosofia moderna e contemporanea.

Obiettivi del corso

Il corso si propone di fornire una prospettiva storico-critica sulla cultura moderna, sulle sue nozioni fondamentali e sulle metodologie, al fine di ottenere la profondità necessaria per uno sguardo critico sul presente, sui suoi limiti e sulle sue potenzialità. Si intende così contribuire non solo a fornire una solida formazione storica, ma soprattutto a dotare lo studente di un insieme di strumenti concettuali utili alla comprensione dell'attualità e delle sue linee di tendenza.

Programma del corso

La conoscenza sensibile e il problema dell'individuazione

Il corso si propone di indagare il modo in cui, in età moderna, il problema dell'individuazione si connetta con la sempre maggiore rilevanza che il sapere filosofico attribuisce alla conoscenza sensibile. Tradizionalmente, il problema dell'individuazione rispondeva alla questione ontologica concernente la natura dell'individuo in quanto tale; nella modernità, e particolarmente con Kant, la questione ontologica sembra necessariamente preceduta (e in qualche modo pregiudicata) dalla questione epistemologica che si domanda quali siano i modi in cui ci sia possibile accedere alla conoscenza dell'individuale. È rispondendo a questa domanda che emerge l'idea secondo cui solo la conoscenza sensibile, ovvero l'intuizione con le sue forme a priori di spazio e tempo, ha come suo oggetto proprio l'ente individuale. Vedremo come questa strategia non solo finisca per ottenere l'effetto contrario a quello che si propone, rendendo sostanzialmente impensabile la conoscenza dell'individuale, ma possa contribuire a gettare nuova luce anche sugli stessi fondamenti del problema dell'individuazione dell'ente. Per illustrare nel suo complesso la struttura del problema moderno, si leggeranno alcune pagine kantiane fondamentali, sullo sfondo dei testi lebniziani da cui esse prendono esplicitamente le distanze.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) G.W. Leibniz Le verità prime, in Scritti di logica Laterza, Roma-Bari, 1992 » Pagine/Capitoli: Vol. 1, pp. 181-189
  • 2.  (A) G.W. Leibniz Nuovi saggi sull'intelletto umano UTET, Milano, 2000 » Pagine/Capitoli: Prefazione (pp. 21-43); Libro II, § XVII, Che cos'è identità o diversità (pp. 205-223).
  • 3.  (A) I. Kant Critica della ragion pura Bompiani, Milano, 2004 » Pagine/Capitoli: Estetica trascendentale (pp. 112-165); Sull'anfibolia dei concetti della riflessione (pp. 485-525); L'ideale della ragion pura (pp. 831-849).
  • 4.  (A) I. Kant Logica Laterza, Roma-Bari, 1984 » Pagine/Capitoli: Introduzione, §§ V-VIII (pp. 27-59).
  • 5.  (C) M. Heidegger La questione della cosa. La dottrina kantiana dei principi trascendentali Mimesis, Milano, 2011 » Pagine/Capitoli: Introduzione
  • 6.  (C) C. La Rocca Come sono possibili i giudizi sintetici a posteriori?, in Soggetto e mondo. Studi su Kant Marsilio, Venezia, 2003
  • 7.  (C) H. Smit Kant on Marks and the Immediacy of Intuition "The Philosophical Review", -, 2000 » Pagine/Capitoli: n. 109/2
  • 8.  (C) K.F. BARBER - J.J.E. GRACIA (eds.) Individuation and Identity in Early Modern Philosophy State University of New York Press, State University of New York, 1994
  • 9.  (C) P. Godani Tratti. Ricerche sull'individuazione in pubblicazione, -, 2017 » Pagine/Capitoli: -
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Agli studenti non frequentanti è consigliata la lettura dei testi di La Rocca e Smit (segnalati come "consigliati" per gli studenti frequentanti).

Metodi didattici
  • Le lezioni saranno per lo più frontali, con momenti di confronto e discussione comune. Si farà uso, ove possibile, di supporti multimediali. Il testo fondamentale a cui verrà dedicato il corso consentirà sia la presentazione di una prospettiva storica sulla modernità, sia l'articolazione di griglie concettuali diversificate per la comprensione del presente.
Modalità di valutazione
  • La prova d'esame sarà orale e ai strutturerà in due parti: nella prima si richiederà l'esposizione critica di un argomento fondamentale tra quelli trattati nel corso; mentre nella seconda verrà richiesto l'approfondimento di un tema specifico, a partire dalla lettura di un passo tratto dai testi in programma.
    Il voto sarà assegnato valutando la compresione degli argomenti fondamentali (40%), la proprietà concettuale (20%) e terminologica dell'esposizione (20%), la capacità di porre gli argomenti trattati in una prospettiva critica (20%).
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

francese, tedesco