Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Home Raffaela Merlini Didattica 2015/2016 Interpretazione di trattativa e consecutiva i - lingua inglese

Interpretazione di trattativa e consecutiva i - lingua inglese - Mod. a

  • A.A. 2015/2016
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-38
Raffaela Merlini / Professore di ruolo - II fascia / Lingua e traduzione - lingua inglese (L-LIN/12)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Possedere una competenza nella lingua inglese di livello C1 e aver seguito preferibilmente un insegnamento di interpretazione di trattativa nel corso di laurea triennale.

Obiettivi del corso

Il modulo si propone di illustrare i principali filoni teorici sviluppatisi nell'ambito degli Interpreting Studies, approfondendo nello specifico le riflessioni sui contesti e le modalità dell'interpretazione di conferenza. Esso intende altresì dotare gli studenti degli strumenti necessari per interpretare in italiano discorsi pronunciati in lingua inglese e in inglese discorsi pronunciati in lingua italiana, usando la tecnica della consecutiva classica con presa di appunti.
Al termine delle lezioni gli studenti avranno acquisito nozioni teoriche introduttive sull'interpretazione quale area di ricerca autonoma da quella della traduzione e avranno sviluppato una tecnica di annotazione grafica idonea alla comunicazione accurata, dalla lingua di partenza in quella di arrivo, dei contenuti di interventi orali della durata di alcuni minuti.

Programma del corso

Il corso offrirà dapprima una panoramica storica dello sviluppo dell'interpretazione di conferenza, evidenziando successivamente le principali tematiche emerse in sede di riflessione teorica, attraverso l'apporto di discipline quali le scienze cognitive, la psicolinguistica, la linguistica testuale e la sociolinguistica. Nello specifico saranno individuate e analizzate le operazioni cognitive che sottendono all'attività interpretativa, così come vengono descritte nei diversi modelli e paradigmi teorici, sviluppatisi a partire dagli anni Cinquanta del secolo scorso.
A livello pratico, nelle prime lezioni verranno consolidate le capacità di ascolto e comprensione di testi orali, nonché di selezione delle informazioni principali e di individuazione delle connessioni logiche. La ricostruzione del contenuto avverrà inizialmente con il solo supporto della memoria, che sarà potenziata attraverso esercizi mirati; solo in un secondo momento sarà introdotta la tecnica della presa di appunti, e gli studenti saranno incoraggiati a sviluppare uno specifico sistema di annotazione grafica. Il formato testuale sarà quello monologico e gli argomenti trattati riguarderanno temi di attualità nell'ambito della politica internazionale.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) A. GILLIES Note-taking for Consecutive Interpreting. A Short Course St Jerome, Manchester, 2005
  • 2.  (A) F. PÖCHHACKER Introducing Interpreting Studies Routledge, London/New York, 2004
  • 3.  (C) C. FALBO La ricerca in interpretazione: dagli esordi alla fine degli anni Settanta FrancoAngeli, Milano, 2004
  • 4.  (C) C. FALBO, M. RUSSO, F. STRANIERO SERGIO (a cura di) Interpretazione simultanea e consecutiva. Problemi teorici e metodologie didattiche Hoepli, Milano, 1999
  • 5.  (C) D. GILE Basic Concepts and Models for Interpreter and Translator Training John Benjamins, Amsterdam / Philadelphia, 1995
  • 6.  (C) G. GARZONE, M. VIEZZI Interpreting in the 21st Century John Benjamins, Amsterdam/Philadelphia, 2002
  • 7.  (C) S. CAVAGNOLI, E. DI GIOVANNI, R. MERLINI (a cura di) La ricerca nella comunicazione interlinguistica. Modelli teorici e metodologici FrancoAngeli, Milano, 2009 » Pagine/Capitoli: PARTE III
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Un'ulteriore selezione di saggi verrà proposta dalla docente durante il corso e indicata in una dispensa in formato Pdf che sarà scaricabile dal sul sito all'inizio delle lezioni.

Metodi didattici
  • Durante le lezioni frontali saranno dapprima presentate le problematiche teoriche connesse con l'attività interpretativa esplorata da diverse prospettive e sulla base dei paradigmi che si sono succeduti nel corso dell'evoluzione di questa disciplina.
    La seconda parte di ciascuna lezione, di natura più pratica e interattiva, sarà dedicata all'insegnamento del sistema di annotazione grafica quale elemento caratterizzante della tecnica della consecutiva classica, e a esercitazioni su testi autentici di discorsi (anche videoregistrati) tenuti da varie personalità del quadro politico internazionale. Tali testi saranno analizzati nella loro macrostruttura e nelle loro caratteristiche retoriche e stilistiche. Si procederà quindi a esercizi di sintesi e memorizzazione, e successivamente alla presa degli appunti e alla resa in lingua di arrivo. Ampio spazio verrà dato alla discussione delle rese interpretative degli studenti, favorendo l'auto-valutazione e la valutazione collettiva.
Modalità di valutazione
  • La prova finale del corso sarà unica per il modulo A e per il modulo B e potrà essere sostenuta al termine di quest'ultimo. Ad essa potranno accedere solo quegli studenti che avranno superato due test di verifica della competenza nella produzione orale della lingua inglese, che si terranno alla fine del primo e del secondo semestre.
    La prova prevede tre parti:
    - una discussione in cui si vaglierà l'acquisizione delle nozioni teoriche illustrate durante il corso;
    - un'interpretazione consecutiva dall'inglese in italiano di un discorso della durata di 4-5 minuti;
    - un'interpretazione consecutiva dall'italiano in inglese di un discorso della durata di 4-5 minuti.
    Il voto finale sarà calcolato sulla media matematica dei voti ottenuti nelle tre parti. I criteri di valutazione saranno i seguenti: accuratezza nella resa dei contenuti (25%); proprietà di linguaggio (25%); capacità di applicare le strategie interpretative apprese (25%); presentazione fluida e dinamica del testo (25%).
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

inglese

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

inglese