Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Home Raffaela Merlini Didattica 2016/2017 Interpretazione per la comunicazione istituzionale e mediatica - lingua inglese

Interpretazione per la comunicazione istituzionale e mediatica - lingua inglese

  • A.A. 2016/2017
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea LM-38
Raffaela Merlini / Professore di ruolo - II fascia / Lingua e traduzione - lingua inglese (L-LIN/12)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Aver superato l'esame del corso di Interpretazione di trattativa e consecutiva inglese I.

Obiettivi del corso

Il corso mira a integrare le competenze interpretative già acquisite dagli studenti durante la prima
annualità del corso magistrale con competenze specifiche nel settore dell'interpretazione per i
media. In particolare, verranno proposte esercitazioni pratiche in alcune delle tipologie e delle
tecniche interpretative usate durante i festival cinematografici. La parte teorica del corso fornirà agli
studenti conoscenze relative alle funzioni e ai ruoli svolti dall'interprete nel contesto mediatico, nel
quale l'attività di trasposizione interlinguistica viene sfruttata dai partecipanti ai fini di una
spettacolarizzazione dell'evento comunicativo.

Programma del corso

Il corso tratterà alcuni eventi comunicativi tipici dei festival cinematografici internazionali, quali
conferenze stampa e interviste a registi, attori/attrici e altri protagonisti del mondo del cinema.

Agli studenti verrà proposta la visione e la discussione di materiale audio-visivo autentico, che
mostrerà le prestazioni di interpreti professionisti durante particolari edizioni di festival
cinematografici. Le esercitazioni, che consisteranno in simulazioni di reali situazioni lavorative,
saranno volte a sviluppare negli studenti la capacità di scegliere di volta in volta le strategie e le
tecniche interpretative più adeguate, integrando risorse mnemoniche e di sintesi con una rapida ed
efficace annotazione grafica. Si porrà infine l'accento sulla necessità di stabilire un rapporto
empatico con il pubblico, attraverso la gestualità, il contatto visivo e la prosodia.

Nella parte teorica, il corso illustrerà i tratti distintivi dell'interpretazione nell'ambito della
conversazione-spettacolo. Il ruolo dell'interprete come risorsa spettacolare dell'evento comunicativo
verrà attentamente analizzato nelle sue diverse manifestazioni discorsive, ponendo altresì
attenzione alle ripercussioni che una tale visibilità comporta dal punto di vista deontologico.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) F. STRANIERO SERGIO Talkshow interpreting. La mediazione linguistica nella conversazione-spettacolo EUT, Trieste, 2007
  • 2.  (A) E. Dal Fovo "Media Interpreting", Encyclopedia of Interpreting Studies Routledge, London, 2015
  • 3.  (A) E. Dal Fovo "Talkshow Interpreting", Encyclopedia of Interpreting Studies Routledge, London, 2015
  • 4.  (A) D. KATAN & F. STRANIERO SERGIO "Look Who's Talking. The Ethics of Entertainment and Talkshow Interpreting", The Translator 7(2) Taylor & Francis Online, London, 2001
  • 5.  (A) G. MACK "New perspectives and challenges for interpretation: the example of television". In G. Garzone & M. Viezzi (eds) Interpreting in the 21st Century. Challenges and Opportunities. John Benjamins, Amsterdam/Philadelphia, 2002
  • 6.  (A) Ó. JIMÉNEZ SERRANO "Backstage conditions and interpreter's performance in live television interpreting: quality, visibility and exposure", The Interpreters' Newsletter 16 EUT, Trieste, 2011
  • 7.  (A) C. PIGNATARO "Skilled-based and knowledge-based strategies in Television Interpreting", The Interpreters' Newsletter 16 EUT, Trieste, 2011
  • 8.  (A) F. STRANIERO SERGIO "'You are not too funny'. Challenging the role of the interpreter on Italian talkshows". In C. Baraldi & L. Gavioli (eds) Coordinating Participation in Dialogue Interpreting John Benjamins, Amsterdam/Philadelphia, 2012
  • 9.  (A) E. Dal Fovo & N.A. Niemants "Television Interpreting: One, No one and One Hundred Thousand", The Interpreters' Newsletter - Dialogue Interpreting 20 EUT, Trieste, 2015
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Filmati di interpretazioni professionali autentiche saranno presentati in classe dalla docente.

Metodi didattici
  • Durante le lezioni frontali saranno proposte le seguenti attività:

    - illustrazione e discussione delle problematiche teoriche connesse all'interpretazione in ambito
    mediatico;
    - analisi di video di interpretazioni professionali autentiche svolte nel corso di programmi televisivi o
    durante festival cinematografici;
    - interpretazioni tra l'italiano e l'inglese di interazioni autentiche e simulate.
Modalità di valutazione
  • L'esame finale consisterà in:

    - una parte teorica, durante la quale saranno discusse in italiano le nozioni teoriche illustrate
    durante il corso; lo studente presenterà inoltre in lingua inglese una lettura di approfondimento a
    scelta tra quelle consigliate;

    - una parte pratica, durante la quale lo studente interpreterà tra l'italiano e l'inglese un'interazione
    simulata, appartenente a una delle tipologie trattate durante il corso.

Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

inglese

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

inglese