Lingua e traduzione inglese iii (AL) - Mod. b "interpretazione per l'impresa internazionale"

  • A.A. 2016/2017
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea L-12
Raffaela Merlini / Professore di ruolo - II fascia / Lingua e traduzione - lingua inglese (L-LIN/12)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Aver superato gli esami dei corsi di Lingua e traduzione - Lingua inglese I e II.

Obiettivi del corso

Il modulo è volto a presentare le problematiche teoriche dell'interpretazione dialogica e a fornire gli
strumenti linguistici e le strategie interpretative necessarie per gestire scambi conversazionali in
contesti comunicativi bilingui.
Al termine del corso, gli studenti avranno acquisito conoscenze teoriche di base su caratteristiche e
contesti dell'interpretazione faccia a faccia e avranno sviluppato le competenze comunicative e
interculturali necessarie allo svolgimento di un servizio professionale di mediazione linguistica tra
l'italiano e l'inglese nell'ambito delle trattative commerciali internazionali.

Programma del corso

Alla trattazione teorica delle principali problematiche interlinguistiche e interculturali che
contraddistinguono l'interpretazione dialogica in ambito commerciale da altre forme e contesti della
traduzione orale (interpretazione di conferenza, interpretazione per i media, interpretazione in
campo sociale, ecc.), si affiancherà la presentazione di trattative aziendali bilingui, sia autentiche sia
simulate. In particolare verranno illustrate le dinamiche comunicative nelle diverse fasi di una
trattativa commerciale. Attraverso lo studio di interazioni autentiche audio-registrate, si
individueranno le finalità comunicative degli interlocutori e si evidenzieranno, con gli strumenti
dell'Analisi Conversazionale, i meccanismi di coordinamento interazionale. Verranno altresì trattati
alcuni aspetti del linguaggio non verbale che più specificamente incidono sull'andamento di un
incontro mediato.

Alla fine del corso gli studenti avranno non solo acquisito nozioni generali sulla configurazione
triadica di un evento comunicativo interlinguistico e interculturale, ma avranno ampliato le loro
conoscenze di specifici ambiti aziendali. Saranno inoltre in grado di interpretare da e verso l'inglese
riconoscendo e trasmettendo le intenzioni comunicative degli interlocutori. Avranno sviluppato la
capacità di usare registri formali della lingua orale, sia inglese che italiana, adeguati a situazioni
professionali, e appreso le strategie necessarie per affrontare problemi traduttivi di natura sia
linguistica sia culturale.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (C) M. Russo, G. Mack (a cura di) Interpretazione di trattativa. La mediazione linguistico-culturale nel contesto formativo e professionale Hoepli, Milano, 2005
  • 2.  (C) A. Gentile, U. Ozolins, M. Vasilakakos Liaison Interpreting: a handbook Melbourne University Press, Melbourne, 1996
  • 3.  (C) D. Katan Translating Cultures. An Introduction for Translators, Interpreters and Mediators St. Jerome, Manchester, 2004
  • 4.  (C) R. E. Nofsinger Everyday conversation Newbury Park, Sage, 1991
  • 5.  (C) M. L. Knapp, J. A. Hall Nonverbal communication in human interaction Wadsworth, Belmont, CA, 2005
  • 6.  (C) R. Merlini "Teaching dialogue interpreting in higher education: a research-driven, professionally oriented curriculum design", in M.T. Musacchio, G. Henrot Sostero (a cura di) Tradurre: formazione e professione CLEUP, Padova, 2007
  • 7.  (C) L. Gavioli (a cura di) La mediazione linguistico-culturale: una prospettiva interazionista Guerra Edizioni, Perugia, 2009
  • 8.  (C) M. Rudvin, E. Tomassini Interpreting in the Community and Workplace. A Practical Teaching Guide Palgrave MacMillan, London, 2011
  • 9.  (C) R. Merlini "Dialogue Interpreting", in Routledge Encyclopedia of Interpreting Studies Routledge, London / New York, 2015
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

La docente metterà a disposizione una dispensa a inizio corso, scaricabile dal suo sito.

Metodi didattici
  • Durante le lezioni frontali verranno proposte le seguenti attività:

    - illustrazione e discussione delle problematiche teoriche relative all'interpretazione dialogica;

    - presentazione di registrazioni di interazioni commerciali autentiche linguisticamente mediate e
    analisi delle relative trascrizioni effettuate secondo le convenzioni dell'Analisi Conversazionale;

    - interpretazioni in consecutiva breve (senza presa di appunti) di interazioni commerciali simulate.
Modalità di valutazione
  • La prova finale del modulo si svolgerà nella sola modalità orale e si articola in due parti:

    - interpretazione tra l'italiano e l'inglese di una trattativa commerciale simulata;

    - domande sulle nozioni teoriche illustrate durante il corso.

    Alla prova finale possono accedere solo gli studenti che avranno presentato, entro la scadenza
    fissata dalla docente, un profilo aziendale scritto, da redigere secondo le modalità illustrate dalla
    stessa all'inizio dell'insegnamento e incluse nella dispensa scaricabile dal suo sito.

    Il voto verrà assegnato sulla base dei seguenti criteri: conoscenza delle tematiche teoriche
    affrontate durante il corso (25%); accuratezza nella resa dei contenuti degli scambi
    conversazionali (25%); correttezza grammaticale e proprietà espressiva (25%); capacità di
    applicare le strategie interpretative apprese e di coordinare l'interazione (25%).

Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

inglese

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

inglese