Epigrafia latina

  • A.A. 2017/2018
  • CFU 9, 6(m)
  • Ore 45, 30(m)
  • Classe di laurea LM-84, LM-14,15(m)
Simona Antolini / Professoressa di ruolo - II fascia / Storia romana (L-ANT/03)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Conoscenza nelle linee generali della storia romana e delle istituzioni pubbliche e
private del mondo romano; conoscenza di base della lingua latina.

Obiettivi del corso

Conoscenza degli strumenti per la lettura autonoma di un testo epigrafico e
acquisizione delle competenze di base per approntare la schedatura epigrafica.

Programma del corso

9 CFU
1 - definizione della disciplina e suoi rapporti con le altre scienze dell'antichità;
2 - cenni sulla storia degli studi epigrafici dalla tarda antichità ai grandi corpora
dell'Ottocento;
3 - bibliografia generale, strumenti e repertori per la ricerca epigrafica;
4 - vicende delle epigrafi dall'antichità ad oggi (distruzione, reimpiego, collezionismo,
musealizzazione);
5 - elementi di storia dell'alfabeto latino;
6 - l'onomastica presso i Romani;
7 - le principali carriere (senatoria, equestre, municipale);
8 - la titolatura imperiale;
9 - caratteri delle principali categorie epigrafiche (iscrizioni funerarie, sacre, onorarie,
delle opere pubbliche, instrumentum domesticum, testi giuridici, graffiti);
10 - esercitazioni di lettura, traduzione e commento di testi epigrafici;
11 - l'epigrafia dell'età augustea a Roma e nell'Italia romana: lettura, traduzione e
commento di testi epigrafici ed esercitazioni di schedatura informatica dei testi
epigrafici.

6 CFU
1 - definizione della disciplina e suoi rapporti con le altre scienze dell'antichità;
2 - cenni sulla storia degli studi epigrafici dalla tarda antichità ai grandi corpora
dell'Ottocento;
3 - bibliografia generale, strumenti e repertori per la ricerca epigrafica;
4 - vicende delle epigrafi dall'antichità ad oggi (distruzione, reimpiego, collezionismo,
musealizzazione);
5 - elementi di storia dell'alfabeto latino;
6 - l'onomastica presso i Romani;
7 - le principali carriere (senatoria, equestre, municipale);
8 - la titolatura imperiale;
9 - caratteri delle principali categorie epigrafiche (iscrizioni funerarie, sacre, onorarie,
delle opere pubbliche, instrumentum domesticum, testi giuridici, graffiti);
10 - esercitazioni di lettura, traduzione e commento di testi epigrafici.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) A. BUONOPANE Manuale di epigrafia latina Carocci, Roma, 2009
  • 2.  (A) G. ALFÖLDY Augusto e le iscrizioni: tradizione e innovazione. La nascita dell'epigrafia imperiale, in "Scienze dell'antichità" 5 Quasar, Roma, 1991 » Pagine/Capitoli: pp. 573-600
  • 3.  (C) I CALABI LIMENTANI Epigrafia latina Istituto Editoriale Cisalpino, Milano, 1991
  • 4.  (C) I. DI STEFANO MANZELLA Mestiere di epigrafista. Guida alla schedatura del materiale epigrafico lapideo Quasar, Roma, 1987
  • 5.  (C) G.C. SUSINI Epigrafia romana Jouvence, Roma, 1997
  • 6.  (C) L. GASPERINI Alfabeto modello latino su piattello etrusco del Gruppo di Genucilia, in "Annali Facoltà Lettere e Filosofia Macerata" 5-6 Antenore, Padova, 1973 » Pagine/Capitoli: pp. 530-537
  • 7.  (C) G. ALFÖLDY Studi sull'epigrafia augustea e tiberiana di Roma Quasar, Roma, 1992
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

9 CFU
Il programma prevede: lo studio dei testi indicati a nn. 1-2; la conoscenza degli argomenti trattati a lezione.
I documenti oggetto di studio saranno messi a disposizione dalla docente.
E' vivamente consigliata la frequenza delle lezioni. Gli studenti che per seri motivi non potessero frequentare sostituiscono gli appunti delle lezioni con lo studio dei testi indicati ai nn. 3 (pp. 15-29; 68-83), 4 (pp. 75-108; 121-159), 5, 6 e 7 (pp. 17-34; 39-58). Gli studenti non frequentanti sono invitati a prendere contatti via mail con la docente.

6 CFU
Il programma prevede: lo studio dei testi indicati al n. 1; la conoscenza degli argomenti trattati a lezione.
I documenti oggetto di studio saranno messi a disposizione dalla docente.
E' vivamente consigliata la frequenza delle lezioni. Gli studenti che per seri motivi non potessero frequentare sostituiscono gli appunti delle lezioni con lo studio dei testi indicati ai nn. 5 e 6. Gli studenti non frequentanti sono invitati a prendere contatti via mail con la docente.

Metodi didattici
  • Lezioni frontali con esposizione delle nozioni teoriche e lezioni dialogate con
    esercitazioni di lettura, traduzione e commento di testi epigrafici, attraverso l'uso dei
    repertori bibliografici e degli strumenti informatici.
Modalità di valutazione
  • Il colloquio d'esame tende a verificare il livello di apprendimento da parte dello
    studente delle tematiche affrontate, la capacità di lettura di semplici iscrizioni e di
    analisi delle fonti epigrafiche proposte in sede di lezione, le competenze logiche e la
    padronanza nell'esposizione critica e nell'uso del lessico tecnico specifico.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

Latino, greco.