Antropologia filosofica (AL)

  • A.A. 2019/2020
  • CFU 8
  • Ore 48
  • Classe di laurea L-19
Silvia Pierosara / Ricercatrice T.D. / Filosofia morale (M-FIL/03)
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
Prerequisiti

Conoscenza della lingua italiana; conoscenze di carattere generale; capacità di ascolto e dialogo.

Obiettivi del corso

Il corso si struttura in due parti. La prima mira a ripercorrere la nascita e lo sviluppo dell'antropologia filosofica attraverso una ricostruzione del pensiero dei suoi fondatori: un'analisi delle principali voci dell'antropologia filosofica consentirà di comprendere pienamente il peculiare statuto della disciplina, capace di intercettare trasversalmente temi di primario interesse per le scienze umane e di instaurare un fecondo dialogo con esse. La seconda parte del corso intende approfondire il legame che intercorre tra linguaggio cinematografico ed espressività umana, esplicitando il nesso tra pratiche narrative, espressione e comunicazione umana come tratti essenziali dell'umano. Al termine del corso lo studente è in grado di definire l'ambito di ricerca dell'antropologia filosofica, coglierne la trasversalità, riconoscere e illustrare il contributo di ciascun esponente esaminato, esplicitare il nesso tra espressività umana e narrazione cinematografica.

Programma del corso

La questione antropologica: Scheler, Plessner, Gehlen. Espressività e formazione umana

Il corso si articola in due parti. Nella prima parte, della durata di 32 ore e distinta in due moduli di 16 ore ciascuno, si ricostruiscono la nascita e l'ambito di ricerca dell'antropologia filosofica anche attraverso la lettura di alcuni brani scelti degli autori esaminati; nella seconda parte, che si compone di un modulo unico della durata di 16 ore, si problematizza il nesso tra espressività umana e narrazione cinematografica come lavoro sul sé, sui legami e sulla loro rappresentazione.

Prima parte - modulo 1:
Nel primo modulo della prima parte si esaminano la nascita e lo statuto dell'antropologia filosofica e si ricostruisce il pensiero di Max Scheler anche attraverso la lettura di alcuni brani a partire dal seguente indice:
La questione dell'antropologia filosofica; origini dell'antropologia filosofica moderna; l'apertura al mondo e la posizione dell'uomo;
Prima parte - modulo 2:
Nel secondo modulo della prima parte saranno analizzati il pensiero di Helmuth Plessner e di Arnold Gehlen anche attraverso la lettura di alcuni testi e si traccerà un bilancio rispetto allo statuto dell'antropologia filosofica e alle possibili interconnessioni con le scienze umane a partire dal seguente indice:
L'eccentricità dell'uomo; la determinazione all'azione; conclusioni.

Seconda parte - modulo 1:
Nel modulo unico della seconda parte si analizza il linguaggio cinematografico come modalità di espressione, rappresentazione e narrazione di sé e dei legami sociali e ci si interroga sul nesso tra modalità espressive tipiche dell'umano e valenza formativa della configurazione cinematografica a partire dal seguente indice:
Il bisogno di configurazione; visione, rappresentazione e narrazione; narrazione cinematografica e formazione.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) U. Fadini, in P. Rossi (a cura di), La filosofia Antropologia filosofica Utet, Torino, 1995 » Pagine/Capitoli: 495-521
  • 2.  (A) M. T. Pansera Antropologia filosofica. La peculiarità dell'umano in Scheler, Gehlen e Plessner Bruno Mondadori, Milano , 2001 » Pagine/Capitoli: Prima parte per intero; dell'antologia parti scelte.
  • 3.  (C) A. Aguti Natura umana. Un'indagine storico-concettuale Meudon, Portogruaro, 2010
  • 4.  (C) A. Honneth Problems of Ethical Pluralism. Arnold Gehlen's Anthropological Ethics Iris. European Journal of Philosophy and Public Debate, Firenze, 2009 » Pagine/Capitoli: 187-194
  • 5.  (A) Maurice Merleau-Ponty Il cinema e la nuova psicologia, in Id. Senso e non senso Il Saggiatore, Milano , 2016 » Pagine/Capitoli: 69-83
  • 6.  (A) D. Angelucci Filosofia del cinema Carocci, Roma, 2013 » Pagine/Capitoli: Capitoli 2, 3 e 4
  • 7.  (C) P. Ricoeur, in A. Gaudreault, Du litteraire au filmique. Système du recit Préface Colin, Paris, 1999
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Durante lo svolgimento del corso si potrà fornire ulteriore materiale che sarà messo a disposizione degli studenti attraverso la pagina docente.

Metodi didattici
  • Oltre alle lezioni frontali, saranno proposti momenti di approfondimento seminariali.
Modalità di valutazione
  • Orale con una prova intermedia sulla prima parte del programma. I contenuti su cui verterà la prova intermedia saranno ulteriormente specificati durante il corso.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

Inglese e francese