Storia moderna

  • A.A. 2015/2016
  • CFU 10
  • Ore 60
  • Classe di laurea L-1,L-15
Sabina Pavone / Professore di ruolo - II fascia / Storia moderna (M-STO/02)
Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo
Prerequisiti

- Conoscenza dei quadri essenziali della storia generale, acquisita durante la scuola
secondaria superiore.

Obiettivi del corso

Il corso si pone l'obiettivo di fornire agli studenti elementi utili a:
- conoscere i quadri principali della storia moderna nei suoi diversi aspetti
economici, politici, religiosi e sociali, con particolare riguardo all'evoluzione del
patrimonio culturale europeo.
- cogliere continuità e fratture nello svolgimento dei processi storici.
- comprendere le principali specificità delle fonti per l'età moderna.
- conoscere i fondamenti della metodologia storica.
- conoscere le principali tendenze della storiografia sull'età moderna.
Tali obiettivi convergono nell'acquisizione non solo di una sufficiente padronanza del
linguaggio scientifico settoriale ma anche di un approfondimento del rapporto fra
beni culturali e turismo sul territorio nel corso dell'età moderna.

Programma del corso

I temi principali del corso generale storia moderna saranno i seguenti:

-Le scoperte geografiche e le nuove rotte commerciali
-L'avvento dello stato moderno
-Riforma e Controriforma
-Tipologie statuali nel XVII secolo: assolutismo e regimi costituzionali
-L'Illuminismo e le riforme settecentesche
-Le rivoluzioni del XVIII secolo (rivoluzione americana e rivoluzione francese)
-I grandi mutamenti economici: la rivoluzione industriale

Le lezioni di carattere generale saranno integrate con una parte monografica relativa
al significato del viaggio in età moderna e al suo rapporto con i beni culturali. In
particolare modo si delineerà un percorso teso a individuare l'evoluzione del viaggio
tra la fine del Medioevo all'Ottocento, per arrivare a dare conto dei caratteri specifici
della nascita del turismo. Per approfondire questo tema ci si avvarrà soprattutto di
esempi tratti dalla letteratura di viaggio.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Francesco Benigno L'età moderna. Dalla scoperta dell'America alla Restaurazione Laterza, Roma, 2005 » Pagine/Capitoli: pp. 379
  • 2.  (A) Attilio Brilli Mercanti avventurieri. Storie di viaggi e di commerci Il Mulino, Bologna , 2013 » Pagine/Capitoli: 7-243
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

I powerpoint del corso saranno disponibili sulla pagina della docente.
Materiali integrativi saranno forniti durante le lezioni

Metodi didattici
  • Lezioni frontali dialogate (52h) più 2 visite didattiche di 4h ciascuna.
    Nel corso delle lezioni verranno presentati documenti testuali, mappe geografiche e
    un ampio apparato iconografico e audiovisivo per rendere consapevoli gli studenti
    della eterogeneità tipologica e dell'ampiezza dei sistemi di fonti documentarie.
    Verranno infatti discussi i principali temi della storia moderna attraverso un'analisi
    guidata delle fonti storiche, mettendo in rilievo come l'evoluzione delle diverse
    correnti storiografiche abbia condotto alla valorizzazione di nuove tipologie di fonti.
    La lettura di una serie di testi storiografici - incrociati con le fonti documentarie -
    fornirà a ciascuno studente la possibilità di misurarsi concretamente con la
    disciplina, con l'intento di sviluppare una consapevolezza critica riguardo alle forme
    di produzione della ricerca storica e delle differenti scuole storiografiche.
Modalità di valutazione
  • La prova di accertamento è orale.
    Nel colloquio saranno poste allo studente domande tese ad accertare:
    - l'efficacia espositiva e l'uso puntuale del linguaggio della disciplina;
    - l'acquisizione delle conoscenze dei quadri fondamentali della storia moderna;
    - le competenze di rielaborazione critica dei contenuti appresi che si sostanziano:
    nella capacità dello studente di saper individuare i nessi storici e nella capacità di
    stabilire relazioni tra i diversi aspetti della storia dell'età moderna (politici,
    economici, sociali, religiosi e culturali); nella lettura critica delle fonti; nell'essere in
    grado di riconoscere la rilevanza delle differenti scuole storiografiche e l'evoluzione
    del linguaggio in una prospettiva di lungo periodo.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

inglese, francese