Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Home Flammini Simona Didattica 2018/2019 Didattica speciale e apprendimento per le disabilita' sensoriali (G2)

Didattica speciale e apprendimento per le disabilita' sensoriali (G2) - Sspg e sssg

  • A.A. 2018/2019
  • CFU 4
  • Ore 30
Simona Flammini / Professoressa a contratto
Prerequisiti

La normativa scolastica per le politiche inclusive e l'integrazione degli alunni con disabilità sensoriali;
Le interazioni istituzionali per attuare opere e interventi a favore dell'integrazione scolastica

Finalità educative e compiti formativi dei vari ordini di scuola. L'autonomia delle istituzioni scolastiche. Compiti, ruolo e funzioni del personale scolastico.
Il Piano dell'Offerta Formativa e il Patto di Corresponsabilità.

Conoscenze psicopedagogiche e didattiche di base e delle principali correnti filosofiche e pedagogiche del pensiero occidentale.

Obiettivi del corso

L'epistemologia e la pratica operativa della Didattica speciale.
La Didattica speciale come riferimento dei processi inclusivi nell'intero ciclo esistenziale.
Complessità e diversità.
Acquisizione dei concetti teorici sulle disabilità sensoriali.
Modello antropologico ICF, riflessioni critiche e prospettive educative.
Conoscere i principali metodi di intervento.
Saper intervenire nelle situazioni in classe.
Promuovere una didattica inclusiva per tutti gli alunni.

Programma del corso

Dal paradigma medico-riablilitativo all'approccio bio-psicoeducativo-sociale dei deficit sensoriali. Lo sviluppo del bambino ipoacusico: lo sviluppo cognitivo e della memoria, lo sviluppo linguistico, lo sviluppo affettivo e sociale; la comunicazione interpersonale nel bambino sordo.
Sordità e apprendimento della lingua italiana; i metodi riabilitativi: percettivo-uditivo, orale, bimodale, l'educazione bilingue.
Lo sviluppo del bambino non vedente e ipovedente: lo sviluppo cognitivo, lo sviluppo linguistico, lo sviluppo psicomotorio e l'interazione comunicativa, lo sviluppo affettivo e sociale.
Disabilità visiva e costruzione identitaria. Processi di imitazione, consapevolezza identitaria e gioco simbolico. Processi psicologici di sviluppo nelle pluridisabilità (nelle quali è presente un deficit uditivo e/o visivo): ad es. ipovisione con deficit neuromotorio; sordo-cecità; cecità/ipovisione e ritardo mentale.
Problemi associati ai deficit visivo e uditivo (es. disinteresse per la comunicazione e autismo secondario, stereotipie, ciechismi, iperverbalismo).

Fondamenti epistemologici della Pedagogia. Speciale per le disabilità sensoriali. Radici e prospettive educative: storia della pedagogia e della didattica per le disabilità sensoriali; attualità della pedagogia delle disabilità sensoriali.
Principi di Didattica speciale per le disabilità sensoriali: approcci didattici, Progetto di vita,
ruolo della famiglia. La programmazione dell'attività scolastica per le disabilità sensoriali: criteri e metodi di programmazione; interventi educativi e interventi didattici; modalità di raccordo tra programmazione individualizzata e programmazione collegiale; la programmazione individualizzata nella scuola di Primo e di Secondo Grado.

La valutazione nelle disabilità sensoriali: la valutazione in itinere, formativa e sommativa del percorso scolastico; verifiche e criteri di valutazione del percorso formativo; la valutazione del processo di integrazione e delle ricadute degli interventi attuati unitamente con le agenzie
coinvolte.

Altre informazioni / materiali aggiuntivi

DISPENSE DEL DOCENTE

Metodi didattici
  • Lezione dialogata e partecipata, supportata da esemplificazioni didattiche ; esercitazioni; lavori di gruppo, proiezione di filmati; dibattiti su tematiche specifiche, produzione di oggetti didattici in itinere, individuali e di gruppo.
    Attività laboratoriali.
    Metodologie e strategie per un apprendimento significativo; strategie organizzative.
    Osservazione di una situazione (caso/storia) e documentazione.
    Progettazione e attuazione di un intervento didattico.
    Cooperative learning.
Modalità di valutazione
  • Valutazione scritta.
    Nella valutazione della prova si terrà conto di:

    1. Adeguatezza del lessico disciplinare e precisione terminologica;
    2. Efficacia comunicativa nella riformulazione delle conoscenze;
    3. Rigore nell'esplicazione di teorie e nozioni;
    4. Correttezza dei riferimenti alla letteratura scientifica;
    5. Pregnanza interpretativa dei contenuti;
    6. Originalità nella rielaborazione delle conoscenze;
    7. Ricchezza e articolazione dei collegamenti;
    8. Pertinenza nell'applicazione di metodologie, tecniche, strumenti;
    9. Riflessività e prospettiva nella costruzione delle risposte;
    10.Rilevanza degli approfondimenti personali.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

Inglese

Lingue, oltre all'italiano, che si intende utilizzare per la valutazione

Inglese