Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Home Simone Calzolaio Didattica 2016/2017 Diritto dell'informazione e della comunicazione

Diritto dell'informazione e della comunicazione

  • A.A. 2016/2017
  • CFU 6
  • Ore 30
  • Classe di laurea L-20
Simone Calzolaio / Ricercatore / Diritto costituzionale (IUS/08)
Dipartimento di Scienze Politiche, della Comunicazione e delle Relazioni Internazionali
Prerequisiti

Conoscenza degli elementi istituzionali del diritto pubblico.

Obiettivi del corso

Obiettivi formativi: Conoscenza di base dei diversi settori del diritto dell'informazione e della comunicazione.
Risultati di apprendimento attesi: capacità di riconoscere nella prassi le principali problematiche giuridiche dei settori del diritto dell'informazione e della comunicazione.

Programma del corso

NOZIONI GENERALI: a) Libertà di manifestazione del pensiero e diritti della persona; b) Le libertà di informazione nel quadro costituzionale; c) I limiti alle libertà di manifestazione del pensiero; d) Il diritto di cronaca, critica e satira.
PROFILI ISTITUZIONALI: Gli organi di governo e di garanzia del sistema dell'informazione e della comunicazione.
I SETTORI: a) Disciplina della stampa e della professione giornalistica; b) La radiotelevisione; c) Lo spettacolo; d) Le telecomunicazioni; e) La disciplina di internet.
I TEMI TRASVERSALI: a) Riservatezza e privacy; b) L'informazione e la comunicazione delle pubbliche amministrazioni; c) La comunicazione politica.
TEMATICHE DI CARATTERE INTERDISCIPLINARE: durante il Corso le tematiche saranno esposte ed affrontate nella prospettiva della indagine, di carattere interdisciplinare, in merito alle dinamiche del riassetto del sistema dell'informazione.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) G. Gardini Le regole dell'informazione Giappichelli, Torino, 2014 » Pagine/Capitoli: pp. 1-350
  • 2.  (C) S. Calzolaio, B. Malaisi Co.re.com. Nuove funzioni e ruolo istituzionale EUM, Macerata, 2011 » Pagine/Capitoli: pp. 1-350
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

In alternativa allo studio del manuale adottato è possibile prepararsi su uno dei seguenti manuali: - R. Zaccaria, A. Valastro, E. Albanesi, Diritto dell'informazione e della comunicazione, Cedam, Padova, 2016; - P. Caretti, Diritto dell'informazione e della comunicazione, Il Mulino, Bologna, 2013; - S. Sica, V. Zeno-Zencovich, Manuale di diritto dell'informazione e della comunicazione, Cedam, Padova, 2015.

Metodi didattici
  • Il metodo didattico consiste nello svolgimento di lezioni frontali.
    Durante le lezioni verranno discusse le tematiche principali concernenti il diritto dell'informazione e della comunicazione.
    Saranno oggetto di specifico approfondimento sentenze della Corte costituzionale, della Corte di giustizia dell'Unione europea e di altri organi giurisdizionali, oltre a singoli corpi normativi afferenti alle tematiche trattate.
Modalità di valutazione
  • La valutazione dell'apprendimento si svolge in primo luogo durante le lezioni frontali in cui si articola il corso, richiedendo la partecipazione attiva degli studenti nel ripercorrere e ripetere le tematiche affrontate.
    Può essere prevista una prova scritta intermedia di verifica dell'apprendimento, che si articola in un test a risposta multipla e in una o più domande aperte finali.
    La prova di accertamento finale dell'apprendimento è comunque orale ed è tesa ad accertare, di norma: in primo luogo, l'acquisizione dei contenuti di base e generali; in secondo luogo, la conoscenza di settori specifici della materia.
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

Lingua inglese (eventuale)