Federico Buonanno

Federico Buonanno

Ricercatore / Zoologia (BIO/05)
  • Tel. interno (+39) 0733 258 5968
  • E-mail federico.buonanno@unimc.it
Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo
 

Federico Buonanno è nato a Chieti il 17/07/1972.

Background


Laurea in Scienze Naturali conseguita presso l’Università degli Studi di Camerino il 24/02/2000.

Titolo di Dottore di Ricerca in Scienze e Tecnologie per la Natura, l’Ambiente e la Salute dell’Uomo conseguito presso l’Università degli Studi di Camerino il 20/02/2004.

Nomina a ricercatore universitario nel mese di giugno 2006 per il Settore Scientifico Disciplinare BIO/05 (Zoologia) presso la Facoltà di Scienze della formazione dell’Università degli Studi di Macerata.

Rilevanti Attività istituzionali


Membro della Commissione per l'Orientamento e Piani di studio per le Classi delle lauree 18 e 19 da luglio 2006 a settembre 2012, e nell'ambito della stessa Commissione, dal 5 marzo 2008 all'11 febbraio 2009, il sottoscritto ha rivestito il ruolo di Presidente. Membro della Commissione per l'Orientamento e Piani di studio per la classe LM-85bis da ottobre 2012 a dicembre 2014. Da gennaio 2015 ad oggi è membro della Commissione per l'Orientamento e Piani di studio per la classe L-19.

Membro della Commissione esaminatrice per l'ammissione al corso di laurea in Scienze della formazione primaria, nell'ambito dell'area scientifico-matematica, per gli anni accademici 2007-08, 2008-09, 2009-10, 2010-11, 2011-12 e 2012-13.

Membro del Comitato di Area 11 per la valutazione della Ricerca scientifica di Ateneo (CAR) per gli anni accademici 2010-11, 2011-12; 2015-16, 2016-17.

Componente del Collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in: "Scienze per l'ambiente e per la salute pubblica", istituito presso il Dipartimento di Biologia Molecolare Cellulare ed Animale dell'Università degli Studi di Camerino (MC), dall'anno accademico 2007-08 ad oggi.

Dall'anno 2000, socio della Società Italiana di Protistologia (ONLUS) e della Society of Protozoologists, e membro del Consiglio Direttivo (2011-12; 2013-14; 2017-2019) della Società Italiana di Protistologia (ONLUS). Dall’anno 2013, socio della Societa' Italiana di Immunobiologia Comparata e dello Sviluppo. Dall'anno 2017 membro dell'Unione Zoologica Italiana (UZI).

Temi di ricerca


1) Studio dell’interazione predatore-preda in protozoi ciliati e in microinvertebrati correlato all’analisi dell’attività antibiotica e antitumorale dei metaboliti secondari coinvolti in questo tipo di interazione;
2) riconoscimento cellulare e fenomeni di invecchiamento nei protozoi ciliati;
3) sviluppo e applicazione di biosensori unicellulari per il monitoraggio ambientale;
4) identificazione tassonomica, basata su studi morfologici e genetici, di protozoi ciliati;
5) utilizzo di protozoi come mediatori didattici per l’insegnamento della biologia.

Info
Impossibile contattare uGov al momento. Per favore riprovare più tardi
  • CHIM/06 - Chimica organica
  • BIO/05 - Zoologia
  • BIO/07 - Ecologia
Informazione non pervenuta
Lingua Conoscenza
Inglese Eccellente
Aree: Americhe, Asia, Italia
Paesi: Italia, Giappone, Stati Uniti d'America
Titolo MIUR - PRIN 2010-2011 -20109XZEPR- Geni e molecole dell’immunità degli invertebrati. Struttura, funzioni, precursori evolutivi e trasferibilità nella ricerca applicata.
Settore ERC LS2_4: Metabolomics
Abstract Ogni ambiente acquatico ospita una ricchissima biodiversità di microrganismi eucarioti, oltre che di microrganismi procarioti. Il successo evolutivo e adattativo di questi microrganismi risiede in misura determinante nella loro capacità di utilizzare differenti tipi di molecole, sia specificamente sintetizzate, sia di derivazione secondaria da varie catene metaboliche, che ne presiedono le più basilari funzioni vitali quali la comunicazione chimica, il riconoscimento self/nonself, l'interazione con l'ambiente e con prede/predatori, la difesa contro patogeni, il controllo dell'espansione demografica (proliferazione vegetativa), i fenomeni sessuali. Tra questi microrganismi, forti ragioni pratiche e scientifiche indicano che i protozoi ciliati rappresentano un materiale sperimentale particolarmente eccellente per lo studio di biomolecole, come chiaramente specificato in vari libri di testo di protozoologia a partire dalla metà del secolo scorso e testimoniato dai Premi Nobel per la Medicina conferiti a Tom Cech (1989), Elisabeth Blackburn (2009) e Carol Greider (2009), che hanno tutti sviluppato le loro ricerche sui ciliati Tetrahymena e Euplotes. Le principali ragioni pratiche risiedono prima di tutto nel fatto che i ciliati sono molto ricchi di specie - ne sono state descritte circa 10.000 specie sulla sola base morfologica - ubiquitariamente distribuite e facilmente isolabili da ogni habitat acquatico, nonché dal suolo. Ceppi selvatici rappresentativi di diverse specie possono poi essere facilmente adattati a moltiplicarsi (virtualmente all'infinito) in colture di laboratorio che possono essere ampliate (con costi molto ridotti) a dimensioni praticamente illimitate. Infine l'organizzazione genetica dei ciliati è unica, in quanto il loro genoma trascrizionalmente attivo (contenuto nel nucleo somatico, o macronucleo) è formato da geni che non sono organizzati in cromosomi, ma in singole molecole di DNA sub-cromosomiche ciascuna replicata in migliaia di copie. Questa organizzazione quindi facilita enormemente l'identificazione e il clonaggio dei geni trascrizionalmente attivi. Per quanto riguarda le ragioni scientifiche, può essere qui sufficiente ricordare che i ciliati sono unanimemente riconosciuti come depositari della maggior parte delle fondamentali "invenzioni" eucariotiche, poichè insieme ai Dinozoa e agli Apicomplexa (che sono i loro parenti filogeneticamente più stretti) formano uno dei cladi (gli Alveolata) di organismi eucarioti che ha avuto maggior successo evolutivo all'origine della vita eucariotica. Pertanto, si può essere certi che le conclusioni tratte dall'analisi sperimentale di queste invenzioni - coesistenti in un unica matrice biologica direttamente esposta all'ambiente e quindi soggette a diretta pressione selettiva - sono pienamente applicabili agli organismi più complessi e difficili da esaminare. Questa UR è centrata sullo studio di proteine segnale (feromoni) e metaboliti secondari dei ciliati: i feromoni in relazione alla loro attività nei meccanismi di riconoscimento cellulare self/nonself; i metaboliti secondari in prospettiva applicativa in campo farmacologico e medico. Varie attività di ricerca di questa UR prevedono la collaborazione con le UR delle Università della Tuscia e di Trento, con cui già esiste una stretta e proficua collaborazione maturata in relazione a precedenti PRIN e testimoniata da lavori pubblicati e in pubblicazione in riviste di riconosciuto prestigio. Nei laboratori di queste tre UR sono già disponibili le necessarie risorse tecnologiche e strumentali, oltre che il necessario materiale di ricerca rappresentato da una vasta collezione di specie di ciliati, sia marine sia di acqua dolce, frutto di anni di campionamento e raccolta da una svariatissima gamma di aree geografiche (quelle estreme delle aree polari incluse). Questo progetto si articola su 4 obiettivi principali: (1) determinazione di nuove strutture molecolari di feromoni di Euplotes in prospettiva evolutiva e adattativa; (2) espressione dei geni codificanti i feromoni di Euplotes e caratterizzazione dei recettori dei feromoni; (3) caratterizzazione chimica di nuovi metaboliti secondari; (4) potenzialità applicative del climacostolo come antitumorale, antiparassitario e antimicrobico.
Parole chiave Ciliated protozoa, Cell recognition, Chemical communication, Secondary metabolites, Cytotoxicity, Antitumor molucules
Gruppo di lavoro Claudio Ortenzi, Federico Buonanno, Adriana Vallesi, Claudio Alimenti, Alessandro Valbonesi, Terue Harumoto
Info
Impossibile contattare uGov al momento. Per favore riprovare più tardi
Informazione non pervenuta
Info
Impossibile contattare uGov al momento. Per favore riprovare più tardi