Filosofia morale i - Lettorato 2 su classici: kant, critica della ragion pratica

  • A.A. 2019/2020
  • CFU 3
  • Ore 21
  • Classe di laurea L-5
Michele Paolini Paoletti / Professore a contratto
Prerequisiti

Nessun prerequisito.

Obiettivi del corso

- Conoscenza delle principali tesi e dei passaggi più rilevanti della "Critica della Ragion Pratica" di Kant.
- Conoscenza delle fonti e dell'influenza del pensiero etico kantiano.
- Conoscenza del significato dei termini caratteristici di tale pensiero.
- Capacità di lettura e analisi di un testo filosofico.
- Capacità di ricostruzione di argomenti filosofici.
- Capacità di argomentazione controfattuale.

Programma del corso

L'oggetto del lettorato sarà la "Critica della ragion pratica" di Immanuel Kant, una delle opere più significative del filosofo di Koenigsberg e uno dei testi fondanti della riflessione etica occidentale.
Sarà realizzata una lettura attenta e quanto più possibile dettagliata dell'opera, allo scopo di individuare i significati dei principali termini e concetti utilizzati da Kant, di ricostruire le argomentazioni kantiane e, dove possibile, di individuare i problemi lasciati aperti dal filosofo.
Più in generale, attraverso il lavoro sulla "Critica della ragion pratica", si auspica che gli studenti possano acquisire un metodo per approcciare i testi filosofici in modo attento e proficuo.

Gli argomenti delle lezioni saranno i seguenti (con riferimento alle pagine della traduzione di Pietro Chiodi - cfr. infra):
(i) introduzione al criticismo e alla riflessione etica di Kant, con particolare riferimento alla "Critica della Ragion Pura" e alla "Fondazione della metafisica dei costumi";
(ii) ragion pratica, ragion pura pratica, lo scopo dell'opera (Prefazione e Introduzione, pp. 135-150);
(iii) principi pratici: massime, imperativi ipotetici e imperativo categorico (parte prima, I, I, 1-7, pp. 153-170);
(iv) il confronto con l'etica della felicità, autonomia e libertà (parte prima, I, I, 8 + Della deduzione dei principi della ragion pura pratica, pp. 170-189);
(v) l'estensione della ragion pratica, il suo oggetto, categorie e tipica del giudizio pratico (Del diritto che la ragion pura ha, nel suo uso pratico... + parte prima, I, II, pp. 189-212);
(vi) il sentimento morale, moralità e legalità, santità (parte prima, I, III, pp. 213-232);
(vii) la causalità libera tra mondo fenomenico e mondo noumenico (parte prima, I, III, Delucidazione critica..., pp. 232-251);
(viii) il sommo bene e il primato della ragion pura pratica (parte prima, II, I + II, II, I-III, pp. 253-269);
(ix) i postulati della ragion pratica: la libertà, l'immortalità dell'anima e Dio (parte prima, II, II, IV-VII + Conclusione, pp. 269-291, 313-315);
(x) etica kantiana ed utilitarismo a confronto: un approfondimento.

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Immanuel Kant (trad. di Pietro Chiodi) Critica della Ragion Pratica e altri scritti morali UTET, Torino, 2014 » Pagine/Capitoli: 135-315
  • 2.  (C) Filippo Gonnelli Guida alla lettura della Critica della ragion pratica di Kant Laterza, Roma-Bari, 2015
  • 3.  (C) Sergio Landucci La Critica della ragion pratica di Kant. Introduzione alla lettura Carocci, Roma, 2010
  • 4.  (C) Paul Guyer Kant Routledge, London-New York, 2006
  • 5.  (C) Lewis White Beck A Commentary of Kant's Critique of Practical Reason The University of Chicago Press, Chicago-London, 1960
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Saranno utilizzate anche delle slides preparate dal docente, in particolare per la prima e l'ultima lezione.

Metodi didattici
  • Il docente introdurrà i principali problemi affrontati da Kant nelle singole parti dell'opera. Si procederà poi ad una lettura attenta, soffermandosi sui termini utilizzati, sulle argomentazioni kantiane, sui collegamenti con altre opere dello stesso autore e di altri autori, sui problemi aperti e le eventuali aporie.
Modalità di valutazione
  • Sarà effettuato un esame orale vertente su tutti i contenuti delle lezioni. In particolare, ad ogni studente sarà richiesto di commentare due passaggi della "Critica della ragion pratica" scelti dal docente e sarà posta una domanda sull'etica kantiana.
    Gli studenti non-frequentanti saranno anche esaminati con una specifica domanda sul testo di Filippo Gonnelli "Guida alla lettura della Critica della ragion pratica di Kant" (cfr. infra).
    I criteri di valutazione saranno:
    - capacità di comprensione dell'opera di Kant (30%);
    - capacità di ricostruzione e di rielaborazione critica dell'argomentazione filosofica (40%);
    - chiarezza espositiva (30%).