Storia del pensiero politico (L) - Modulo di introduzione alla storia moderna

  • A.A. 2018/2019
  • CFU 4
  • Ore 20
  • Classe di laurea L-36
Sabina Pavone / Professoressa di ruolo - II fascia / Storia moderna (M-STO/02)
Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo
Prerequisiti

Conoscenza scolastica della storia moderna.
Conoscenza di base della lingua inglese.

Obiettivi del corso

Il corso, che costituisce un modulo di 4 CFU all'interno di un esame da 12 CFU
integrato con Storia del pensiero politico, mira a fornire agli studenti una conoscenza
di base dell'età moderna, a partire dai processi di mondializzazione e dai conflitti
religiosi e culturali del Quattro e Cinquecento fino alle Rivoluzioni settecentesche.
Si attende che gli studenti imparino a comprendere i cambiamenti dell'epoca
moderna, soprattutto in relazione alla sfera politica e culturale.

Programma del corso

- L'eredità del lungo medioevo e il concetto di moderno
- La formazione dell'Europa moderna e l'espansione mondiale
- I grandi imperi in età moderna
- Le mutazioni della società: famiglia, ceti sociali, disciplinamento
- La fine dell'unità cristiana dell'Occidente e la religione
- Cultura e comunicazione nell'Europa moderna
- La crisi del Seicento e la nascita dello Stato moderno
- I Lumi e le rivoluzioni politiche e materiali di fine Settecento

Testi (A)dottati, (C)onsigliati
  • 1.  (A) Guido Dall'Olio Storia moderna. I temi e le fonti Carocci, Roma, 2017 » Pagine/Capitoli: 422
  • 2.  (A) GLENN J. AMES L'età delle scoperte geografiche 1500-1700 Il Mulino, Bologna, 2011 » Pagine/Capitoli: 200
Altre informazioni / materiali aggiuntivi

Coloro che frequentano sosterranno l'esame solo sul testo di Dall'Olio; coloro che non frequentano dovranno aggiungere un capitolo a scelta dal testo di Glenn J. Ames.

Metodi didattici
  • Lezioni frontali partecipate.
    Uso di fonti iconografiche e a stampa.
Modalità di valutazione
  • Nel colloquio saranno poste allo studente domande tese ad accertare:
    - l'efficacia espositiva e l'uso del linguaggio della disciplina;
    - l'acquisizione delle conoscenze dei quadri fondamentali della storia moderna;
    - le competenze di rielaborazione critica dei contenuti appresi che si sostanziano:
    nella capacità dello studente di saper individuare i nessi storici e nella capacità di
    stabilire relazioni tra i diversi aspetti della storia dell'età moderna (politici,
    economici, sociali, religiosi e culturali); nella lettura critica delle fonti; nell'essere in
    grado di riconoscere l'evoluzione del linguaggio in una prospettiva di lungo periodo.
    La valutazione complessiva sarà ottenuta dall'analisi dei seguenti indicatori:
    . correttezza e proprietà nell'uso del linguaggio (fino a 10/30)
    . correttezza e completezza delle conoscenze (fino a 10/30)
    . capacità di elaborazione critica delle conoscenze (fino a 10/30)
Lingue, oltre all'italiano, che possono essere utilizzate per l'attività didattica

inglese, francese