Informazioni
» Vai all'elenco delle AULE TEAMS dei docenti

Angela Bianchi

Angela Bianchi

Ricercatrice T.D. / Glottologia e linguistica (L-LIN/01)
  • Tel. interno (+39) 0733 258 4369
  • E-mail angela.bianchi@unimc.it
Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia
 

Si è laureata in Lettere Classiche presso l’Università di Macerata  dove ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia linguistica dell’Eurasia (SSD: L-LIN/01- Glottologia e Linguistica).

Presso la stessa Università è stata dal 2006 al 2008 assegnista di ricerca in Lessicologia e terminologia, dal 2009 al 2010 titolare di una borsa post-dottorato in Testi specialistici e terminologia e dal 2005 al 2014 docente a contratto - presso le Facoltà di Lettere e di Scienze della Formazione - di Linguistica generale e di Didattica della lingua italiana oltre che di Laboratori di area linguistica e di diversi moduli di Master di primo e di secondo livello.

È vincitrice dei Premi Giacomo Leopardi per la XI edizione del 2009 (sezione tesi di dottorato) e per la IX edizione del 2003 (sezione tesi di laurea).

Da aprile 2015 è stata ricercatrice TD-A presso l’Università degli studi “Guglielmo Marconi” di Roma.

Ha conseguito l'Abilitazione Scientifica Nazionale a Professore Universitario di II fascia nel settore scientifico disciplinare L-LIN/01 (Glottologia e Linguistica)?

È membro del Collegio docenti del Dottorato in Scienze Umanistiche, Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma (dal 2018).

Da marzo 2020 è ricercatrice TD-B presso l’Università degli studi di Macerata, Dipartimento di Studi Umanistici - Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia, Sezione di linguistica, letteratura e filologia (SeLLF).

Si occupa di linguistica storica, in particolar modo di area romanza e in riferimento al problema della scrittura delle lingue romanze, su cui ha pubblicato il volume Stat Roma pristina nomine...Lingua e scrittura nella Romània linguistica (Roma, Il Calamo 2018) e di storia della linguistica. Lavora da anni all’approfondimento della speculazione linguistica in Leopardi, con particolare attenzione agli aspetti etimologici, terminologici e sociolinguistici. Ha pubblicato di recente sul tema il volume La mia scrittura sarà delle lingue. Idee e teorie linguistiche nell'ipertesto leopardiano (Roma, Il Calamo 2019). Si dedica a studi lessicologici, di etimologia e di semantica lessicale, con particolare riferimento alle lingue romanze. Studia le istanze linguistiche nell'ambito della linguistica della langue e della parole nella riflessione saussuriana. Si occupa di metalinguaggio e terminologia linguistica, nei quali ambiti ha lavorato anche sul campo all’interno di diversi progetti tra cui: La terminologia della morfologia  derivazionale, della grammatica, della glottologia nella tradizione linguistica italiana e internazionale (PRIN 2009/2011, Dipartimento di Scienze Umanistiche, Università degli studi di Catania); Dizionario del Lessico Metalinguistico, Lessici  specialistici e metalinguaggi: applicazioni in rete (PRIN 2003/05, Dipartimento di Ricerca Linguistica, letteraria e Filologica, Università di Macerata); Lingue speciali per il commercio estero (CIPE 36/2002, convenzione della Regione Marche con l’Università degli Studi di Macerata); Indicizzazione  delle  Antichità  picene di G. Colucci (progetto nato nel 2008 dalla collaborazione dell’Associazione culturale “Giuseppe Colucci” di Penna San Giovanni e del Dipartimento di Ricerca Linguistica, letteraria e filologica, Università degli Studi di Macerata e ancora in corso); Progetto SCRIBE: SCRITTURE BREVI [PRIN 2010/11,  Scritture brevi semplificazione linguistica, inclusione sociale: modelli e applicazioni, ammesso al finanziamento con Decreto Direttoriale 23 ottobre 2012 n. 719, Sede Unità centrale Roma “Tor Vergata” (coordinamento P. Trifone); altre unità: Macerata, Napoli Orientale e Federico II, Pisa, Pisa CNR-ILC, Roma Tre, collaborazione per l’unità di Macerata (coordinatore D. Poli)].

Ha partecipato in qualità di relatrice a numerosi convegni nazionali e internazionali ed è autrice di diversi contributi apparsi su riviste e volumi.

È membro del comitato editoriale delle riviste Digital Universities: International Best Practices and Applications e DigitCult@ Scientific Journal on Digital Cultures.

AMBITI DI RICERCA

  • Linguistica storica e romanza. Analisi dei fenomeni linguistici nel passaggio dal latino alle principali lingue romanze, con particolare riferimento alle problematiche legate alla scrittura, alla semantica lessicale, all’etimologia; attenzione ai temi e alle metodologie di ricerca e di ricostruzione linguistica, ai fenomeni linguistici di mutamento e di parentela, ai problemi di classificazione e di documentazione.
  • Lessicologia e Lessicografia, Terminologia linguistica e metalinguaggio. Studi lessicologici, di etimologia e di semantica lessicale, con particolare riferimento alle lingue romanze; analisi della terminologia linguistica nella morfologia derivazionale, nella grammatica e nella glottologia della tradizione linguistica italiana e internazionale; lessici specialistici e metalinguaggio; lingue speciali e indicizzazione.
  • Linguistica leopardiana. Approfondimento della speculazione linguistica in Giacomo Leopardi, con particolare riferimento agli aspetti etimologici, terminologici e sociolinguistici; analisi del metalinguaggio leopardiano; attenzione alla varietà e alla diversità delle lingue affrontate nella riflessione leopardiana.
  • Linguistica saussuriana. Studio delle istanze linguistiche nell’ambito della linguistica della langue e della parole nella riflessione saussuriana, anche in relazione al ruolo della retorica;  costruzione ed evoluzione del Cours.
  • Didattica della lingua italiana e glottodidattica. Didattica della lingua italiana in prospettiva interculturale, con particolare riferimento alla tipologia linguistica comparata e alle sue implicazioni glottodidattiche; gestione dell’apprendimento in modalità remota, didattica dell’italiano L2/LS, pianificazione linguistica e analisi dei risultati del contatto linguistico.
  • Linguistica applicata. Studio del parlato patologico, in particolare schizofrenico, in ottica diacronica sincronica, con particolare riferimento alla prospettiva storica e agli spunti di riflessione offerti dall’opera di Sabine Spielrein e dai metodi proposti dalla studiosa, prima su se stessa e poi su altri, per il trattamento del linguaggio nelle diverse fasi della malattia.
Errore
Si è verificato un errore con codice 1500. Vi preghiamo di riprovare più tardi.
Informazione non pervenuta
Informazione non pervenuta
Informazione non pervenuta
Informazione non pervenuta
Informazione non pervenuta
Errore
Si è verificato un errore con codice 1500. Vi preghiamo di riprovare più tardi.
Informazione non pervenuta
Errore
Si è verificato un errore con codice 1500. Vi preghiamo di riprovare più tardi.
Errore
Si è verificato un errore con codice 1500. Vi preghiamo di riprovare più tardi.